Calcio

UEFA, clamoroso: 12 club europei pronti a creare una Super League

Il guanto di sfida è lanciato. La UEFA rischia di perdere dodici club europei che vorrebbero creare una Super League staccata dalle competizioni canoniche. L’ente calcistico europeo avrebbe già fatto sapere che le società separatiste saranno escluse dai campionati nazionali e dai due tornei che mettono in palio Champions League ed Europa League. È uno scossone clamoroso.

La Super League sconvolge il calcio del “Vecchio Continente”

Incredibile, ma vero. Dodici club, tra i potenti, europei sono pronti a scindersi dalla UEFA creando una nuova competizione chiamata Super League. Ma quali sono le società che starebbero pensando alla scissione? In Italia Inter, Juventus e Milan, sei in Inghilterra (ArsenalChelseaLiverpoolManchester CityManchester United e Tottenham) e tre in Spagna (Atletico MadridBarcellona e Real Madrid). L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare in serata.

Non si è fatta attendere la presa di posizione delle leghe nazionali e della UEFA stessa che, tramite diversi comunicati, ha spiegato come i club separatisti saranno estromessi dai campionati sportivi d’appartenenza e dalle due competizioni europee principali. Ecco il comunicato apparso sui canali ufficiali della UEFA: “Se ciò dovesse accadere, ci teniamo a ribadire che noi – UEFA, FA inglese, RFEF, FIGC, Premier League, LaLiga, Lega Serie A, ma anche FIFA e tutte le nostre federazioni affiliate” si legge nella dichiarazione congiunta “resteremo uniti nei nostri sforzi per fermare questo cinico progetto, un progetto che si fonda sull’interesse personale di pochi club in un momento in cui la società ha più che mai bisogno di solidarietà. Prenderemo in considerazione tutte le misure a nostra disposizione, a tutti i livelli, sia giudiziario che sportivo, al fine di evitare che ciò accada. Il calcio si basa su competizioni aperte e meriti sportivi; Non può essere altrimenti“.

Sono attesi aggiornamenti su questa sorta di “guerra civile” scoppiata all’interno del calcio europeo.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button