Cronaca

”Ulyssa lo sa”, il legal thriller di Alessia Sorgato ambientato durante la pandemia

Ulyssa lo sa, scritto da Alessia Sorgato, è il legal thriller tutto al femminile edito La Torre dei Venti per la collana Ostro; un libro ambientato durante la pandemia in cui l’autrice indaga gli effetti, di quest’ultima, sulla gente e sulle consuetudini che, nell’epoca pre-Covid, erano la normalità. Un altro tema importante affrontato nel libro, è anche la mancata tutela di chi si trova in condizioni di svantaggio e, di conseguenza, è più fragile.

Ulyssa lo sa, Alessia Sorgato: gli effetti della pandemia sulla gente e le consuetudini

Ulyssa lo sa di Alessia Sorgato è un legal thriller quasi tutto al femminile in cui si presentano personaggi interessanti e tridimensionali come la protagonista Asia Soldato, un avvocato penalista che ha a cuore i problemi di chi è più fragile ed è poco tutelato. L’autrice, che come la sua protagonista è un avvocato penalista; trae ispirazione da un fatto di sangue realmente accaduto a Milano durante il secondo lockdown.

A tal proposito, elabora le sue personali teorie sull’omicidio, o presunto tale, di uno stimato ginecologo esperto in procreazione medicalmente assistita; quest’ultimo, è trovato morto nei pressi della Stazione Centrale. L’opera è ambientata durante questa pandemia e si mostrano infatti i suoi effetti sulla gente e sullo svolgimento di quelle che un tempo erano normali e quotidiane attività; colpiscono soprattutto le ricadute sulla macchina della giustizia, che incontra ostacoli che possono portare a pesanti conseguenze –

«La chiusura per Covid, la gente in smart-working, è un continuo scaricarsi le responsabilità. È un’epoca strana, quella che stiamo vivendo. Il virus offre molti alibi, purtroppo».

Una riflessione sulla mancata tutela di chi si ritrova in una condizione di svantaggio

Asia si trova a gestire proprio tali problematiche quando deve difendere un giovane rider senegalese di nome Mamadou dall’accusa di essere stato il responsabile della morte del ginecologo: la sua presenza sul luogo del delitto è stata registrata da alcune telecamere di sorveglianza ma in realtà la sua figura non è nitida, e potrebbe appartenere a chiunque. L’avvocato si rende subito conto di trovarsi di fronte a un caso gestito con leggerezza, dettato dalla necessità di trovare in fretta un colpevole; inoltre, Mamadou è il capro espiatorio perfetto, essendo un immigrato in attesa del permesso di soggiorno.

Alessia Sorgato ci spinge a riflettere sulla triste condizione di chi arriva nel nostro Paese e non ha tutele di nessun tipo: è quindi facile essere sottomessi alla volontà di chi vuole sfruttarli o, come in questa situazione, alle decisioni di chi agisce assecondando un pregiudizio radicato nella società.

Asia è però diversa: insieme a sua nipote Ulyssa, che studia legge ad Harvard, va in cerca delle prove per scagionare Mamadou; convinta di trovarsi di fronte a una faccenda molto più intricata di quanto si possa pensare. Aiutate da due amiche di Ulyssa, le due intraprendenti donne si mettono al lavoro sul caso, svelando inganni e misteri intorno alla figura del medico; l’autrice ci restituisce, anche nei suoi dettagli procedurali, le avvincenti fasi dello svolgimento delle indagini, fino alla loro inaspettata conclusione.

Diffondilibro

Adv

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino

Related Articles

Back to top button