Formula 1

Valtteri Bottas rivela: “C’era un’opzione per ritornare, ma…”

Un volta pagina per tutti, il 2022. Ormai alle porte il nuovo campionato, cui la Mercedes già guarda per la rivincita del titolo Piloti. La scuderia di Brackley punta così a riconquistare il proprio primato, sventato nel 2021 dalla vittoria di Max Verstappen. Un nuovo capitolo, di cui però non farà più parte Valtteri Bottas. Sempre al fianco di Lewis Hamilton nel team, il finlandese lascia così la Mercedes, diretto ora in Alfa Romeo. Un grande cambiamento per Bottas, per la prima volta con un motore diverso dal V6 Mercedes. Un futuro, che rischiava però di essere compromesso da un’ulteriore offerta della Williams. Che il pilota abbia pensato a un suo eventuale ritorno a Grove? Bottas rassicura: “La Williams sulla strada per un futuro brillante, ma l’Alfa Romeo è la scelta giusta per me”.

La Mercedes da quest’anno senza Valtteri Bottas, ora in Alfa Romeo: la sua decisione definitiva contro un’ulteriore opzione

Anno di svolta il 2022 per la Mercedes, con possibile riscatto nel mondiale Piloti. Alte le aspettative per la scuderia anglo-tedesca, ora pronta a puntare tutto sul suo campione Lewis Hamilton insieme al neoacquisto George Russell. Promosso dalla Williams, il pilota britannico arriva proprio in sostituzione a Valtteri Bottas che, dopo cinque anni intensi in Mercedes, correrà ora al volante dell’Alfa Romeo.

Un cambiamento totale per il finlandese che, arrivato nel team insieme a Guanyu Zhou, avrà per la prima volta a che fare con i motori Ferrari, di cui è equipaggiata la scuderia elvetica. Bottas abbandona così il V6 Mercedes, con cui ha corso per quasi tuta la carriera. Un legame con il mondo Mercedes quindi ormai chiuso, dopo un 2021 che non sembra essere stato all’altezza delle aspettative del pilota. Un distacco significativo quello al di sotto del compagno Lewis Hamilton, ad avvalorare il ruolo di Bottas quale perfetto secondo uomo in Mercedes. Che questa posizione d’ombra abbia contribuito al passaggio del pilota in Alfa Romeo?

Certo è che si tratti di un bel cambiamento, minato però, secondo un’ultima rivelazione dello stesso Bottas, da un’ulteriore offerta proposta dalla Williams. Una seconda direzione che, confessata ora dal #77, non è stata poi intrapresa da Bottas, preferendo il team elvetico con un contratto pluriennale.

L’opzione per tornare in Williams

Un’opzione che è stata comunque presa in considerazione dal nativo di Nastola, come da lui stesso ammesso:

Sì, c’era un’opzione, ma le uniche a lungo termine, in quel momento, erano solo Williams e Alfa Romeo. Devo dire che non è stata una decisione facile – ha dichiarato il finlandese nel podcast Beyond the Grid – Ho cercato di prendere il maggior numero di informazioni possibili da entrambe le parti, seguendo al tempo stesso il mio istinto basandomi solo sui riscontri che avevo. Ritengo davvero che la Williams sia sulla giusta strada per un futuro brillante ma, in qualche modo, ho avuto la sensazione che l’Alfa fosse la scelta giusta per me”.

Rassicura così Bottas, affermando convintamente la sua scelta per Alfa Romeo contro la proposta avanzata dalla Williams. Una rinuncia definitiva del vicecampione iridato Mercedes del 2019 e 2020, lasciandosi alle spalle l’eventualità di un ritorno alla scuderia di Grove, team con cui aveva avviato la sua carriera in F1 nel 2013.

Una decisione prima attentamente analizzata, considerando i motivi chiave che lo potessero spingere a firmare con la scuderia svizzera. Primo tra tutti, la motorizzazione Ferrari, con power unit quest’anno notevolmente migliorata, grazie alla nuova tecnologia ibrida promossa dalla scuderia italiana.

“È stato bello passare ad una potenza non Mercedes – ha poi aggiunto Bottas, convinto di voler provare propulsori diversi – senza più avere il legame con quest’ultima. È un aspetto completamente nuovo e diverso per me”.

Seguici su Metropolitan Magazine.

Liliana Longoni

(credit-foto-Valtteri Bottas durante il GP d’Austria 2020 – Mercedes AMG F1 media)

Back to top button