Basket

Verso il Draft: RJ Hampton

Manca ormai poco più di un mese al Draft NBA 2020. Torna per questo la nostra rubrica “Verso il Draft”. Il protagonista oggi è RJ Hampton, playmaker classe 2001 che attualmente gioca in Nuova Zelanda.

Gli anni alla High School e la Nuova Zelanda

RJ Hampton, playmaker classe 2001 e prossimo protagonista del draft NBA 2020 in maglia Mudiay Elite
RJ Hampton, playmaker classe 2001 e prossimo protagonista del draft NBA 2020 in maglia Mudiay Elite (Photocredits: 247Sports)

Nato a Dallas il 7 febbraio 2001, RJ Hampton lungo l’intera durata della high school ha indossato la maglia della Little Elm High School. Già nell’anno da freshman ha messo in luce le sue qualità realizzando in media 23.6 punti, 7.2 rimbalzi e 4.2 assist a partita. In virtù di ciò è stato inserito nel MaxPreps Freshman All-American First Team. Nella stagione 2017-18 ha migliorato notevolmente le proprie stats, segnando in media, 30.3 punti, 8.8 rimbalzi e 6 assist. Nella stessa stagione ha avuto l’onore di essere inserito anche nel MaxPreps Sophomore All-American First Team. Come junior infine, oltre ad aver messo a referto in media, 32 punti, 9.7 rimbalzi e 6.4 assist, ha vinto il premio Texas Gatorade Player of the Year. Nel 2019 ha scelto di saltare il college per accasarsi ai New Zeeland Breakers, nel campionato neozelandese. Con questo team ha firmato un contratto pluriennale con un’opzione per lasciare la squadra in favore della NBA proprio in vista del draft di quest’anno.

Caratteristiche tecniche e mock draft

RJ Hampton, protagonista del draft NBA 2020 in maglia New Zeeland Breakers

RJ Hampton, protagonista del draft NBA 2020 in maglia New Zeeland Breakers (Photocredits: Getty Images)

Playmaker alto all’incirca 193 cm, viene descritto come un ottimo ball-handler, capace di abbattere in palleggio la difesa dal palleggio. Pregevoli in quest’ottica il crossover ed il cambio di direzione/velocità. Buona anche la visione di gioco e l’abilità di passaggio. Ottime anche le qualità difensive dovute alla lunghezza delle sue braccia e alla sua rapidità. Potrebbe in compenso migliorare nella selezione dei tiri e nell’efficacia del suo tiro dal mid range e da 3. A volte inoltre tende a disperdere troppi palloni (3.9 turnovers a partita). È spesso paragonato come tipo di giocatore a Dante Exum. Secondo molti degli esperti dovrebbe essere scelto al prossimo draft tra la pick #11 e la #22. Negli ultimi giorni secondo molte testate giornalistiche potrebbero essere i New York Knicks a puntare su di lui al draft, non dovessero ottenere una delle prime pick.

Per ulteriori aggiornamenti sul mondo del basket, clicca qui
Seguici sulla nostra pagina Facebook
Per tutte le news iscriviti a Metropolitan Magazine

Back to top button