Era atteso per il 25 giugno il via libera che avrebbe dato la possibilità a tanti sport di ripartire. Quello che è arrivato è stato invece un altro “no” per tutte quelle attività di contatto ormai pronte a riprendere. In seguito a questa decisone le Federazioni di volley, basket e handball, hanno pubblicato un comunicato congiunto in merito all’ennesimo stop per gli sport di contatto.

volley stop sport contatto
Volleyball – Photo Credit: FIVB Official Twitter Account

Volley: gli sport di contatto ricevono un altro stop

Sembrava ormai una realtà l’idea di poter riprendere a fare sport; il Ministro Spadafora, chiamato giustamente in causa, aveva confermato la forte volontà e il suo consenso alla riapertura, prevista il 25 giugno. Ciò che è accaduto è invece stato l’esatto opposto; il CTS, Comitato Tecnico Scientifico, ha nuovamente bloccato la ripresa di tali sport sia a livello amatoriale che dilettantistico. Di seguito quanto comunicato dal CTS, come riportato da Volleyball.it:

“Considerando l’attuale situazione epidemiologica nazionale, con il rischio di ripresa della trasmissione virale in cluster determinati da aggregazioni come negli sport da contatto, devono essere rispettate le prescrizioni del distanziamento e della protezione individuale“.[…] Le società di calcio che hanno ripreso le gare, limitatamente alla serie A, hanno assunto “piena responsabilità riguardo all’esecuzione e il controllo di uno stringente protocollo di diagnosi e monitoraggio continui”.
[…] In mancanza di “simili protocolli a favore di singoli individui che si dedicano ad attività a livello amatoriale o di società dilettantistiche”, il CTS “non ritiene al momento di poter assumere decisioni al riguardo […]”.

volley stop sport contatto
Bednorz, Mazzone e Zaytsev – Photo Credit: Modena Volley Official Facebook Account

La risposta delle Federazioni

Una notizia pesante da digerire per tutte le società che speravano di riprendere; uno stop quasi inaspettato vista la quasi totale ripresa, in Italia, di tante attività, in cui il contatto c’è o potrebbe esserci. Il Ministro dello Sport ha dichiarato la sua contrarietà in merito alla decisione presa dal CTS; inoltre le Federazioni di pallavolo (Fipav), pallacanestro (Fip) e handball (Figh), hanno unito il loro dissenso in un comunicato congiunto pubblicato proprio il 25 giungo:

“In merito alla notizia del CTS di rinviare ulteriormente la ripartenza degli sport di contatto, la Federazione Italiana Pallavolo, la Federazione Italiana Pallacanestro e la Federazione Italiana Giuoco Handball esprimono tutta la propria delusione per un veto che blocca ulteriormente, non solo l’attività sportiva delle proprie discipline, ma bensì la grande maggioranza dello sport italiano.
Allo stesso tempo Fipav, Fip e Figh hanno apprezzato il forte e deciso intervento del Ministro
Spadafora, favorevole alla ripartenza”.

“Fipav, Fip e Figh ci tengono a sottolineare come resti sempre attuale la grande problematica relativa alla riapertura delle palestre scolastiche; ad essa si lega il tema della responsabilità in capo ai dirigenti scolastici e ai presidenti di società.
L’auspicio di Fipav, Fip e Figh è che le autorità governative e scientifiche diano delle risposte rapide e concrete per consentire ai propri tesserati di riprendere l’attività sportiva, come più volte chiesto a gran voce.
[…] La Fipav inoltre comunica che
, a causa della decisione del CTS, è costretta con grande rammarico a prolungare sino al 5 luglio l’attuale versione del protocollo federale per la ripresa degli allenamenti, salvo diverse comunicazioni da parte delle autorità governative”.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

© RIPRODUZIONE RISERVATA