Politica

Roma: voto online e petizioni via web, M5s

Qualche giorno fa, una proposta di delibera, presentata dalla maggioranza a Cinquestelle in Campidoglio, per modificare lo statuto di Roma Capitale all’insegna della “rivoluzione” della democrazia diretta con voto via web e potezione online.

Voto elettronico e petizione online

Questa l’iniziativa del Campidoglio per introdurre la possibilità di petizioni online e sperimentare il voto elettronico per i referendum comunali. L’auspicio dei Cinquestelle è “in cinque passare da Mafia Capitale alla capitale della democrazia diretta”. Il progetto è stato presentato dall’assessora alla Roma Semplice, Flavia Marzano, dal presidente della commissione Roma Capitale, Angelo Sturni, e dal deputato M5S Riccardo Fraccaro. L’idea è introdurre petizioni popolari online con la possibilità di illustrarle in aula; abolizione del quorum di partecipazione per i referendum comunali; bilancio partecipativo. “Usiamo la piattaforma Rousseau- ha spiegato Sturni – Passeremo da Mafia Capitale alla capitale della democrazia diretta con il voto elettronico per i referendum sul modello statunitense”.

Back to top button