Attualità

13 immigrati espulsi, ma costretti a rimanere in Italia perché senza il Green Pass

Adv
Adv

Si tratta di immigrati gambiani e senegalesi bloccati da giorni a Siracusa, in un parcheggio coperto di Ortigia, erano sbarcati da una Nave Quarantena ma privi di Green pass per potersi muovere.

Italia: tra i paradossi del Green pass e i soliti problemi di burocrazia

Situazione paradossale a Siracusa.

13 migranti hanno ricevuto un provvedimento di espulsione dal territorio italiano ma non possono adempiere all’ordine perché sprovvisti di Green Pass. I 13 sono attualmente bloccati nella provincia di Siracusa, dove il Comune ha allestito per loro una tendopoli in un’area di via Augusto von Platen, al centro della città. Essendo sprovvisti di Green Pass, i migranti, non possono utilizzare nessun mezzo di trasporto e dunque non possono andare via né dalla città siciliana, né dall’Italia. Una situazione che è un vero e proprio limbo dovuto alle incongruenze burocratiche, alle quali probabilmente non si è pensato.

Immigrati espulsi dall’Italia non possono lasciare il Paese perché privi di vaccino e di super green pass. Il comune di Siracusa cerca una soluzione

L’assessore alle Politiche sociali del Comune di Siracusa, Concetta Carbone:

“Dalle informazioni in nostro possesso i migranti, dopo essere scesi dalla nave per la quarantena, hanno ricevuto il decreto di espulsione ma non avendo il green pass non hanno potuto prendere alcun mezzo. Non potevamo lasciarli senza cibo e senza un posto dignitoso dove dormire, per cui ci siamo rivolti alle associazioni per dare assistenza a queste persone”.

Un avvocato, dopo aver parlato con i migranti, ha presentato una richiesta di protezione internazionale, “per cui saranno sentiti dalla commissione in seno alla prefettura” spiega il prefetto di Siracusa, Giusi Scaduto, che aggiunge: 

“Stiamo provando a trovare una soluzione sia per la loro sistemazione sia per sottoporli al vaccino. Sui mezzi pubblici, non possono salire, è, comunque, un problema nazionale e speriamo possa risolversi”.

Segui Metropolitan Magazine su Facebook

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button