Modena: 16enne sequestrata per quattro mesi e violentata

E’ (oggi) una 16enne la protagonista di questa raccapricciante storia avvenuta in provincia di Modena. La ragazza, che nel momento in cui si svolgono i fatti aveva 15 anni, è stata sequestrata per quattro mesi in un casolare a Vignola da quattro uomini tra i 25 e i 48 anni, e violentata da due di questi.

La minorenne, era già ai tempi dell’inizio della vicenda (gennaio 2020) seguita dagli assistenti sociali a causa del rapporto conflittuale che aveva con il padre. Proprio in seguito a una lite con quest’ultimo, aveva deciso di contattare quello che credeva un amico conosciuto sui social per chiedergli ospitalità.

E’ nel casolare di Vignola in cui doveva essere ospite di questo “amico” che la ragazza è diventata prigioniera. Qui è stata accolta dall’ “amico” 25enne, che le ha chiesto di non uscire dalla sua stanza né farsi sentire dagli altri 3 uomini presenti nella struttura.

Solo dopo qualche giorno, vedendosi rifiutare le richieste di abbandonare la stanza, la ragazza si è resa conto di essere stata sequestrata. Il 25enne si alternava a un suo amico 28enne nelle violenze da infliggere alla povera vittima e anche gli altri due uomini presenti nel casolare facevano la guardia affinché la prigioniera non scappasse.

immagine dal web

La fuga e la richiesta di aiuto

Dopo quattro mesi, la studentessa ormai 16enne riesce a rubare il cellulare di uno degli uomini e ad inviare richieste di aiuto all’assistente sociale e agli amici. Uno dei malviventi, temendo un blitz della polizia, la lascia scappare.

La ragazza riesce a prendere un mezzo pubblico e a chiedere aiuto, frastornata da quattro mesi di violenze e prigionia. Nei confronti dei quattro aguzzini è scattata la denuncia per atti sessuali (nel caso del 25enne e del 28enne), violenza privata e sequestro di persona. Ad ottobre la procura ha conferito incarico al consulente tecnico per valutare la capacità della 16enne di deporre davanti al giudice. Nei prossimi giorni in tribunale a Modena sarà quindi sentito il perito.

Articolo di: Serena Colucci

Segui BRAVE GIRLS su
facebook
instagram

© RIPRODUZIONE RISERVATA