La collezione di giochi classici 51 Worldwide Games è in arrivo il 5 giugno in esclusiva su Nintendo Switch. Che giochi, chiederete voi? Non VIDEOgiochi, bensì tantissimi giochi da tavolo, di società e non, e altri passatempi che fin dall’antichità divertono persone provenienti da tutto il mondo. Majong, Domino, Schacchi e Dama, ma anche una corsa di automobiline, bowling e freccette, Biliardo, tris e tanti TANTI altri.

51 Worldwide Games

51 Worldwide Games – Il tavolo nella Switch sul tavolo

Sembra uno scioglilingua, ma non lo è. Perché con i 51 giochi virtuali che riproducono fedelmente i classici “analogici” è possibile divertirsi “come una volta” con solo un tavolo a disposizione. E una console, ovviamente, su cui viene riprodotto di volta in volta un altro “tavolo” virtuale. Nel video trailer appena rilasciato da Nintendo i 51 classici senza tempo si mostrano in tutta la loro eterna semplicità e accessibilità.

51 Worldwide Games

E se non sapessi le regole, come potrei fare? Qui viene il bello. 51 Worldwide Games spiega con intuitività e facilità a chiunque come muoversi nel vastissimo panorama dei passatempi che propone. In maniera tanto efficace che si potrebbe pensare al gioco anche come un modo semplice per insegnare a giocare ai titoli proposti anche nella loro versione “fisica”. Fuori dal gioco, quindi.

Multiplayer locale e online

Il reale potenziale di 51 Worldwide Games si sviluppa però proprio nel suo essere un videogioco, al cui interno possiamo sfidare i nostri amici anche se li avessimo distanti, tramite l’online della Switch.

51 Worldwide Games

Ma siccome da oggi si possono, sempre prendendo le dovute precauzioni eh, rivedere anche gli amici, perché non organizzare uno Switch party? Basta una console, un gioco, e fino a 4 Switch possono collegarsi in locale per giocare insieme. Ma ehi, anche una sola switch, con determinati giochi, è sufficiente per divertirsi in compagnia.

Se di Nintendo Switch ne aveste 4 a disposizione, però, ecco che una delle funzioni più sottovalutate della console, già sperimentabile con Mario Party, entra “in gioco”. Affiancandoli su di un tavolo gli schermi delle 4 Nintendo Switch diventerebbero un unico grande tabellone, per “vedervi chiaro” con molti dei giochi proposti nella collezione.

Un titolo che si è rivelato, mano a mano che le sue features venivano svelate, sempre più interessante. Che non vediamo l’ora di toccare con mano, per capire se la zia Ubalda aveva ragione a dirci che siamo scarsi a scacchi. O se, come invece sospetto io, mentre non guardavo faceva sparire le pedine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA