Cronaca

Renzi: 5 senatori di Italia Viva in fuga, quali le possibili conseguenze sul Governo Conte?

Adv

La maggioranza in Senato è appesa a un filo, ecco perchè i 5 senatori in fuga dal partito di Renzi sono fondamentali per lo scacchiere di Governo, che adesso si trova in un vero e proprio braccio di ferro a carte scoperte con Matteo Renzi.

5 senatori di Italia Viva potrebbero lasciare il partito. Quali sarebbero le possibili conseguenze sul governo e quali le contromisure dell’ex Premier?

Roma, 17 Febbraio 2020. Il clima è anomalo, le temperature sopra la media stagionale. San Valentino è appena terminato e, dopo la festa degli innamorati, viene sempre la resa dei conti. Quando poi ad innamorarsi sono dei politici e lo fanno in Italia, spesso gli amori rischiano di terminare molto presto.

Gli equilibri e i ricami che sembrano donare nuova stabilità al Paese o almeno al Governo che lo presiede, vengono capovolti come nelle migliori serie Tv, con cambi di marcia e colpi di scena senza tregua. Questa legge del cambiamento non lascia ovviamente esenti i partiti e non fa discriminazioni tra quelli nuovi e quelli vecchi.

Ultimo esempio, Italia Viva. Già, perchè se verranno verificate le voci, Giuseppe Cucca, Donatella Conzatti, Eugenio Comincini. Leonardo Grimani, Gelsomina Vono, Ernesto Magorno, sono i cinque renziani che potrebbero accettare la corte di Conte. Il Premier puntellerebbe così l’esile maggioranza dei voti di governo in Senato, tramite un agevole ritorno dei suddetti tra le braccia di Zingaretti. Se così fosse, c’è da aspettarsi alcune contromosse da parte di Matteo Renzi sia verso il Governo, sia verso i 5 senatori in fuga.

Come l’ex premier potrebbe rispondere a questa possibile emoraggia di partito?

Stando all’indiscrezione pubblicata dal Corriere della Sera, ci sarebbe la totale sicurezza del presidente di Italia Viva, secondo il quale i senatori delle proprie file non solo non diminuiranno, ma anzi aumenteranno. Tutto nell’arco di una settimana. Una settimana in cui lo scacchiere politico verrebbe ridiscusso e aggiornato.

Già, perchè quelli che per Conte potrebbero essere dei fondi assicuratavi del proprio mandato, rischiano di diventare problemi ulteriori. Per tre voti regge l’attuale maggioranza in Senato. Tre voti, nella nostra amata Italia gattopardiana, possono pesare come il vuoto o assorbere tutto come un buco nero. Un buco nero da cui il nostro Paese fa fatica ad uscire, complici gli attori che, prima di esserne assorbiti, lo denunciavano. Giuravano di cambiare le cose, salvo esserne cambiati essi stessi.

Seguici su https://metropolitanmagazine.it/category/attualita/

Adv
Pulsante per tornare all'inizio