Cronaca

Allarme eroina: dall’Afghanistan invaderà l’Europa

Tonnellate di eroina, provenienti dall’Afghanistan, potrebbero invadere il mercato europeo. Si registra un alto tasso di mortalità dovuto a questa sostanza. Largo consumo di droghe tra i giovani che, almeno una volta nella vita, hanno provato l’eroina.

Da 4 anni a questa parte, il mercato dell’eroina è in crescita. Per questo motivo, tonnellate di questa sostanza, accumulate in Afghanistan, tra non molto potrebbero invadere l’Europa.

Nicola Gratteri
(Credits: dolcevitaonline.it)

L‘eroina, nell’ultimo passaggio dello spaccio, costa poco, circa la metà della cocaina e cioè 25 euro al grammo” – così afferma, senza alcun dubbio, Il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, – “Ma negli ultimi tempi questa tendenza si sta modificando” continua.

 

I Talebani gestiscono l’eroina, presente in enormi quantità in Afghanistan. In seguito all’aumento della domanda in Europa, molte tonnellate di questa sostanza potrebbero essere immesse sul mercato.

Per questo, il procuratore spiega come prevenire tutto ciò:

Tenendo necessariamente alta la guardia ed evitare che si diffonda nella nostra area attraverso le rotte asiatiche e poi quelle balcaniche.

Secondo Gratteri, “il mercato illegale della cocaina è ormai talmente vasto e ampio che c’è spazio per ogni organizzazione criminale che voglia entrarci. Ma tra queste organizzazioni – ha chiarito – non esistono conflitti ed invece si stanno creando sempre più delle sinergie che dovrebbero preoccuparci”.

Consumatori di eroina in Italia:
I consumatori di eroina in Italia nel 2016 risultano essere 280mila, contro i 595mila utilizzatori di altre sostanze come ecstasy, LSD, anfetamine. Cifre ben distanti dai 6,2 milioni di consumatori di cannabis e il milione di consumatori di cocaina. I consumatori di eroina nel 2015 erano stati stimati in 205mila. Lo scrive in un articolo Tpi.

Uno dei motivi di queste percentuali può essere dovuta al fatto che in Italia il prezzo delle droghe pesanti, come l’eroina, ha subito negli ultimi anni un drastico calo, con la presenza anche di microdosi dal costo di soli 5 euro. Un fatto che ha reso queste sostanze alla portata di tutti, soprattutto dei ragazzi più giovani.

Anche se rimane la sostanza meno utilizzata tra gli studenti italiani, è notevole un incremento in quanto molti di loro affermano di averla provata almeno una volta nella vita.
Nel 2016 la percentuale è aumentata, con circa 37mila studenti che ne hanno fatto uso, anche se occasionale.

La Droga è un Business…
Gli stupefacenti complessivamente sequestrati superano i 17.706 chili: 143 di eroina, 704 di cocaina, 16.817 di cannabis (8.066 di hashish e 8.750 di marijuana). 6.760 operazioni hanno portato a 9.083 denunce e a 6.525 arresti, 4.217 dei quali riguardanti stranieri e 337 minori. 

Seppur il mondo della droga sia vasto, i tossico-dipendenti che si rivolgono ai servizi per le Dipendenze, sono consumatori di eroina ed hanno una media di 39 anni. La maggior parte sono uomini tra i 30 e i 54 anni.
Su 100.448 persone dipendenti dalle droghe, i consumatori di eroina raggiungono il 68.1% del totale.

Negli ultimi 10 anni, osservando il numero di decessi per droga, emerge una diminuzione della mortalità in Italia.
Anche se, la maggior parte dei decessi, accenno per il consumo di oppiacei, specialmente eroina.

Nel 2016, osservando 266 decessi per droga, nel 73% dei casi la causa era l’eroina.

 Il Country drug report 2017 dell’European monitoring centre for drugs and drug addiction ha rilevato che l’eroina è la droga che causa un più alto rischio di mortalità rispetto alle altre droghe.

Credits: quicosenza.it

Martina Onorati

Back to top button