Arte e Intrattenimento

Aeham Ahmad, il pianista ospite di X-Factor 2019

Adv

Aeham Ahmad, classe 1988, è nato a Damasco, in Siria. Fa parte della minoranza palestinese presente nel sud del Paese e ha trascorso quasi tutta la sua vita a Yarmouk, un campo profughi in cui trovò rifugio suo nonno.
Suo padre gli ha insegnato a suonare il pianoforte fin da quando era piccolo e a ventitré anni si laurea al conservatorio di Damasco, nonostante le difficoltà di una vita in guerra.

Mentre la situazione politica e civile in Siria peggiora, Aeham Ahmad e il suo pianoforte diventano simbolo di libertà e la libertà porta con sè la speranza. I suoi video, che fanno il giro del mondo grazie ad internet, diventano virali e ricordano (o almeno provano a ricordare) al mondo che i campi profughi e le guerre non sono solo immagini trasmesse dalle telvisioni, esistono davvero.

Dopo i divieti che hanno interessato la musica e l’arte in genere in Siria, nel 2015 il suo pianoforte viene bruciato mentre lui non poteva che restare a guardare. Aeham Ahmad ricorda quel momento con commezione, “è stato come perdere un amico, un fratello“, racconta.
Aeham Ahmad capisce che è giunto il momento di lasciare la sua amata e martoriata Siria: parte così per la Germania in cui arriva dopo aver attraversato Turchia, Grecia, Serbia, Croazia, Austria.
Dalle città tedesche al mondo, il messaggio di Aeham inzia a viaggiare. Il suo viso rovinato dalle esplosioni, così come la sua mano destra, rimasta senza un dito, accompagnano la sua musica e la sua musia accompagna la sua storia e quella di milioni di persone senza voce.

Possiamo criticare questa edizione di X-Factor per tutta una serie di motivi, ma se stasera anche solo una persona in più conosce la storia Aeham Ahmad, non possiamo che essere grati alla produzione Sky.

Adv
Adv

Francesca Paderi

Torinese di nascita ma proveniente da un mix di Calabria, Sardegna, Veneto, Austria. Dopo la mia Laurea in Lingue e Letterature Straniere all’università di Torino mi sono trasferita a Londra dove ho avuto modo di conoscere artisti emergenti dei generi più diversi. È nata così la mia passione per la musica indie. Amo approfondire la storia che c’è dietro una canzone e amo condividere le mie scoperte, farlo attraverso Metropolitan Magazine è una soddisfazione.
Adv
Back to top button