Cultura

Akibare, parole dal mondo: la serenità del bel tempo autunnale

Il termine Akibare è una bellissima parola intraducibile giapponese che, letteralmente, significa ”limpido cielo d’autunno”. Nel nuovo appuntamento della rubrica Parole dal Mondo, una delle più belle parole adatte a questo periodo, con cui i giapponesi designano il periodo autunnale, stagione tanto amata nel paese del Sol Levante.

Akibare, una bella e limpida giornata autunnale

Akibare
Credits: www.veratour.it

Il termine Akibare 「秋晴れ」 – o Akibiyori – è un’espressione utilizzata per riferirsi a una bellissima e tersa giornata autunnale. In lingua giapponese ogni stagione ha un proprio kanji; il kanji appartenente all’ Autunno – 秋・あき, è aki. Akibare è, quindi, uno dei vocaboli che più strettamente deriva dal kanji riferito all’autunno. In Giappone le estati sono molto afose e cariche di piogge, quindi l’arrivo della stagione autunnale rappresenta un vero e proprio momento di ristoro e raccoglimento, utile a dedicarsi a numerosi e piacevoli piaceri.

La locuzione precedentemente trattata, Shokuyoku no aki, ne riassume il pensiero: è la stagione dell’appetito autunnale, della lettura e dei i piccoli piaceri legati a questo lasso di tempo in cui diventa una carezza vera e propria dedicarsi alle cose comuni e confortevoli, all’intimità domestica e a sé stessi . Il tempo, essendo ancora mite, fa sì che si possa riservare il proprio tempo alla cucina delle pietanze stagionali, alla raccolta dei funghi, e a tante altre attività.

Anshin to aki no sora, un’espressione simile a un celeberrimo modo di dire tutto italiano

Proprio per la bellezza del tempo limpido che regala questo periodo, Akibare si lega a un’altra tipica espressione giapponese: 「安心と秋の空」 Anshin to aki no sora ovvero “Serenità con il cielo d’autunno”. Questa locuzione si usa, per lo più,  quando si vuole sottolineare come la stabilità, la mitezza e le giornate tiepide garantiscano del tempo di qualità da spendere in giornate piacevoli, prima del gelo dell’inverno. Akibare si può, quindi, tradurre anche come ”il bel tempo d’autunno”; un po’ come la classica espressione tutta italiana ”Che bella ottobrata!” celebre soprattutto a Roma per via delle note ”ottobrate romane”, periodo in cui il clima mite e favorevole caratterizza la Città Eterna.

Non solo le temperature tiepide, ma anche lo spandersi della luce dorata, un bagliore diverso, contraddistingue questo momento: un periodo dove i tramonti sembrano più fulgidi e rilucenti, come solo i crepuscoli si colorano di oro come le foglie, l’azzurro del cielo è più intenso, la luce del mattino più splendente. Un tripudio di colori come solo le tinte autunnali possono essere.

Stella Grillo

Seguici su Google News

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino
Back to top button