Cultura

 Shokuyoku no aki, parole dal mondo: l’autunno giapponese e la ”stagione dell’appetito”

L’autunno, in Giappone, è una stagione molto attesa; l’espressione Shokuyoku no aki ne racchiude tutto il significato in quanto significa ”stagione dell’appetito”. Un periodo che, quindi, rimanda a un lasso di tempo di lentezza e conforto dopo la calura estiva. Nel nuovo appuntamento della rubrica Parole dal Mondo l’autunno giapponese: periodo di tempo dedicato ai piccoli piaceri quotidiani.

Shokuyoku no aki, l’appetito autunnale e i piccoli piaceri legati alla stagione

Shokuyoku no aki
Photo Credits: blueberrytravel.it

In Giappone le estati sono molto afose e cariche di piogge, quindi l’arrivo del Shokuyoku no aki, e del periodo autunnale, è un vero e proprio momento di sollievo e di raccoglimento, un po’ come l’Hygge danese. Il ritorno del bel tempo e l’abbassamento delle temperature rendono più piacevole il dedicarsi ai piccoli piaceri del quotidiano. A tal proposito, esistono delle vere e proprie espressioni giapponesi tipiche di questo periodo dell’anno.

  • Shokuyoku no aki“autunno (stagione) dell’appetito” o「食欲の秋」
  • Dokusho no aki, “autunno (stagione) della lettura” o 「読書の秋」

Leggere davanti a un buon piatto di cibo, magari avvolti in una tiepida coperta mentre le foglie cadono e la pioggia batte sulle grondaie rappresenta, nell’immaginario comune, uno dei momenti più confortevoli da assaporare durante la stagione autunnale. In lingua giapponese esistono, oltre a queste espressioni, delle vere e proprie parole legate a questo periodo dell’anno caratterizzato dai tipici Momiji ; gli aceri rossi che tingono gran parte del suolo giapponese e che rimandano all’emblematico autunno nipponico punteggiato di tinte vermiglie, contrastanti con i toni tenui e delicati della primavera e dell’hanami, la tipica fioritura dei ciliegi, i sakura.

Stagione degli appetiti e della lettura

Shokuyoku no Aki è quindi una locuzione che si riferisce un po’ al fare provviste per il lungo inverno che si appresta a giungere. Come gli animali vanno in letargo anche gli esseri umani tendono, istintivamente, all’aumento dell’appetito e all’immagazzinamento delle provviste nei loro corpi, per preparasi alla stagione del gelo. La cucina giapponese è ricca di pietanze stagionali: le patate dolci, le castagne, i funghi. E proprio in autunno sono molto popolari le escursione o la raccolta dei frutti. Ma l’autunno è anche la stagione della lettura nel Paese del Sol Levante. Questa tradizione origina da una famosa poesia scritta da Kanyu, alla fine del 700, in Cina. Nel componimento si legge:

“L’autunno è la stagione migliore per leggere libri sotto la luce durante la notte”.

Natsume Soseki, noto romanziere giapponese, ha fatto riferimento a questa poesia in un suo romanzo e, in seguito, questa attività è diventata popolare specialmente in autunno. A tal proposito, dal 27 ottobre al 9 novembre, in Giappone sono state fissate le “settimane autunnali della lettura” dove scuole, biblioteche e librerie incoraggiano le persone a leggere più libri proprio durante la stagione del foliage.

Stella Grillo

Seguici su Google News

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino
Back to top button