Gossip e Tv

Alberto Radius, chi è il chitarrista e leader dei Formula 3

Alberto Radius è stato definito da qualcuno la memoria storica del rock italiano. Chitarrista di grande talento, ha inciso e prodotto canzoni storiche, grazie anche alla collaborazione con Lucio Battisti

Dopo una pausa dovuta al servizio militare, inizia fare il giro dei club delle varie città italiane insieme ai Campanino, un complesso che apre anche alcune date dell’Equipe 84. Trasferitosi a Milano, suona nei Quelli, la band che diventerà famosa con il nome Premiata Forneria Marconi, al posto di Franco Mussida, impegnato nel servizio di leva.

Con il rientro di quest’ultimo, Radius lascia la band e si unisce a Tony Cicco e Gabriele Lorenzi, formando i Formula 3. Con questo gruppo debutta nella Numero Uno, l’etichetta fondata da Lucio Battisti, e arriva al successo con il brano Questo folle sentimento

Il loro primo disco è Dies irae del 1970. Con i Formula continua a suonare con continuità, ma un paio d’anni dopo pubblica anche il suo primo album solista, al quale prendono parte artisti importantissimi come Demetrio Stratos, Patrick Djivas e Franz Di Cioccio. Dopo lo scioglimento del gruppo, forma un altro complesso di discreto successo negli anni Settanta: Il Volo, insieme a Mario Lavezzi, Vince Tempera, Gianni Dell’Aglio, Bob Callero e Gabriele Lorenzi.

Alberto Radius: il rapporto con Franco Battiato

Nel 1974, dopo lo scioglimento dei Formula 3, Alberto Radius è entrato far parte della band Il Volo, che si è sciolto dopo due anni. Successivamente il chitarrista ha iniziato una carriera da solista e da session man. Dopo Lucio Battisti, Radius ha collaborato per molti anni con Franco Battiato: “Battiato è un essere speciale. Per il lavoro su L’era del cinghiale bianco, su Patriots e su La voce del padrone mi ero dedicato totalmente a lui. Anche se mi facevano altre richieste gli davo sempre la priorità. Si sentiva che era qualcosa di importante”, ha detto sulle pagine di Rolling Stone ricordando l’artista siciliano scomparso nel 2021. Lo scorso giugno Radius ha compiuto 80 anni: “Io sono molto attaccato alla vita, la amo profondamente. Voglio ancora divertirmi. Se fai un lavoro che non ti piace è dura andare avanti, basta andare alle Poste per verificarlo”.

Back to top button