Arte e Intrattenimento

Alexandre Dumas, il maestro del romanzo storico

Alexandre Dumas, immagine web
Alexandre Dumas, immagine web

Alexandre Dumas, nato il 24 luglio 1802, è stato uno scrittore e drammaturgo francese, padre dell’omonimo scrittore francese Alexandre Dumas.

La letteratura francese di Alexandre Dumas

Figlio di un generale della Rivoluzione francese, Thomas Alexandre Davy de La Pailleterie, era noto in Francia come il “Général Dumas“. Per un quarto africano, in quanto il padre era nato da un marchese francese e una schiava africana di Haiti. Dal carattere fiero e coraggioso, il generale Thomas ripudiò il padre e assunse il cognome della madre (Du-mas, infatti).

Alexandre ha solo tre anni quando il padre muore, cresce con la madre Marie-Louise Elisabeth Labouret. I suoi non furono studi approfonditi, eppure manifestava una spiccata propensione per la letteratura e la scrittura. Fu, infatti, uno scrittore proficuo, in grado di ottenere un grande successo durante tutta la sua carriera. 

Il padre dei Feuilletons

Anche conosciuto come il padre dei Feuilletons francesi, al pari di Charles Dickens per l’Inghilterra, pubblica gran parte delle sue opere a puntate sui giornali dell’epoca. Maestro del romanzo storico, tra le sue opere più importanti ricordiamo I tre moschettieri, Il tulipano nero, ma soprattutto Il Conte di Montecristo.

Quest’ultimo romanzo è ambientato negli anni 1815-1838, tra Italia e Francia. Una trama abbastanza complessa, quella che descrive le avventure del protagonista marinaio Edmond Dantès. Egli è il futuro capitano della nave Pharaon, e fidanzato con la bellissima Mercedes, una donna catalana. La sua vita cambia quando viene ingiustamente accusato di aver preso parte al ritorno di Napoleone dall’isola d’Elba e viene condannato al carcere.

Dumas e Il Conte di Montecristo

L’odio è cieco, la collera sorda, e colui che vi mesce la vendetta, corre pericolo di bere una bevanda amara.

Ne Il Conte di Montecristo riesca mettere insieme il dramma, la vendetta, la giustizia, ma soprattutto il perdono, donando il giusto spazio alla narrazione storica. Nel 1824 nasce suo figlio, Alexandre, da una relazione con la sua vicina di pianerottolo. I due, oltre al nome, condivideranno la stessa passione per la scrittura e del figlio ricordiamo La signora delle camelie, opera rivisitata ne La traviata di Giuseppe Verdi.

Serena Votano

Adv
Adv
Adv
Back to top button