InfoGeek

L’ambra dal punto di vista scientifico


Sebbene sia spesso considerata una pietra preziosa, l’ambra calda e luminosa non è una pietra, ma piuttosto una resina fossilizzata proveniente da antichi alberi sempreverdi. L’ambra più antica scoperta sulla Terra ha circa trecento venti milioni di anni. Immagina l’energia incredibilmente potente che contiene.

L’ambra è una sostanza dura, traslucida, giallo-marrone che è la resina fossilizzata di alberi antichi. Spesso contiene fossili di insetti e resti di altre forme di vita (anche piante) di ere molto distanti dalla nostra.

Alcuni alberi, in particolare le conifere, producono una sostanza appiccicosa chiamata resina per proteggersi dagli insetti. Normalmente, decade nell’ossigeno attraverso l’azione dei batteri. 

Tuttavia, se la resina cade nel fango bagnato o nella sabbia contenente poco ossigeno, può indurirsi e infine fossilizzarsi, diventando la sostanza giallastra e traslucida nota come ambra. 

Se alcuni insetti o altri organismi vengono intrappolati nella resina prima che si indurisca, possono essere preservati, spesso con dettagli molto evidenti e ben conservati. Studiando questi organismi preservati dallo scorrere del tempo, come dentro una capsula in criostasi, gli scienziati sono in grado di apprendere fatti chiave sulla vita sulla Terra di milioni di anni fa.

Grazie agli studi effettuati sui residui fossili presenti nell’ambra, ad esempio, sono state fatte delle importanti scoperte scientifiche:

  • Gli insetti che riescono a mimetizzarsi nell’ambiente grazie alla loro incredibile somiglianza con alcune specie di piante esistevano già milioni di anni fa.
  • Alcune specie di insetti esistevano anche in passato, ma avevano un aspetto molto diverso, come l’incredibile ragno con la coda trovato l’anno scorso.
  • L’ambra baltica è la più antica tra tutti i tipi di ambra e costituisce anche il 90% delle riserve già estratte e per questo motivo è anche la più studiata: è la prova fisica di quanto il pianeta sia antico (quasi impossibile dire quanto di preciso), poiché il più vecchio blocco di ambra potrebbe avere addirittura cento milioni di anni.

Nel Cretaceo, a questo proposito, è stato scoperto un blocco che conteneva, conservati alla perfezione, i resti di oltre una cinquantina di creature diverse, marine e terrestri, ovviamente già estinte da moltissimo tempo.

Ambra Baltica è anche molto conosciuta perché è una sostanza con la quale si possono produrre gioielli di alto profilo sia dal punto di vista del design che dell’affidabilità, grazie al fatto che risulta essere più bella, più pregiata e più antica rispetto agli altri tipi di ambra. Ma dove comprarli?

Il web da questo punto di vista può essere molto d’aiuto per chi ama l’ambra e vuole acquistare un gioiello originale da regalare e/o comprare per sé stesso. Giallo Ambra è una gioielleria italiana che ha deciso di specializzarsi e di focalizzarsi sull’ambra. Tutti i gioielli che offre vengono spediti con i certificati di autenticità, perciò ordinando su questo shop online abbiamo la certezza di ricevere l’ambra al 100% autentica e senza nessun tipo di rischio.

Ambra Baltica: approfondimenti

La parola “ambra”, in realtà, deriva dall’arabo baranbar (simile all'”ambar” medio persiano). La parola fu adottata in Europa, nel XIV secolo, per riferirsi a quella che oggi è conosciuta come “ambra grigia”, una sostanza cerosa solida derivata dal capodoglio.
Per quanto riguarda la sua provenienza possiamo dire che si trova in varie parti del mondo e presenta età diverse, anche se in questo momento le sue principali fonti sul mercato sono la Repubblica Dominicana e i Paesi Baltici.

Essa si contraddistingue, rispetto alle altre 60 varietà, per il fatto che contiene al suo interno moltissimo acido succinico ed è grazie a ciò che risulta essere usata dall’industria farmaceutica. L’Ambra Baltica è anche molto famosa per il fatto che rilascia effetti positivi dal punto di vista terapeutico al corpo umano durante il contatto: infatti produce benefici alle articolazioni, al cuore, alla tiroide e alle vie respiratorie.

Alcune persone, tra quelle meno esperte, a volte commettono l’errore di confondere l’ambra con il copale, l’occhio di tigre, Il quarzo citrino o con un altro materiale. Se a fare questo sbaglio un addetto del settore può essere considerata una cosa grave, ma se non si hanno molte conoscenze nel campo si può cadere nel tranello perché i materiali possono essere molto simili. Dunque, per evitare gli sbagli e sempre meglio scegliere una gioielleria specializzata come Giallo Ambra.

Back to top button