Gossip e Tv

Angelina Jolie: “Ciò che racconta Brad Pitt è falso”

Brad Pitt ha sporto denuncia contro l’ex moglie, Angelina Jolie. L’accusa sarebbe quella di aver venduto parte della proprietà di Château Miraval, la loro casa vinicola, per danneggiare economicamente sia l’attore che l’azienda.

Perché Brad Pitt ha sporto denuncia contro Angelina Jolie

Pitt ha dichiarato che Angelina avrebbe agito alle sue spalle, violando alcuni termini del loro contratto. L’attrice, ovviamente, non è rimasta in silenzio e ha contraccambiato le accuse dell’attore, ribaltando la situazione. Oggi, infatti, ha deciso di spiegare le sue motivazioni, definendo le accuse del marito “completamente false e frutto di un racconto falso“.

Dopo gli eventi che hanno portato Jolie a divorziare e dopo tutti gli anni che ha dedicato alla cura dei loro figli, l’attrice insieme ai figli non sono più riusciti a tornare nella loro proprietà. Per questo, lei ha preso la dura decisione di vendere la sue quote di proprietà.

Dopo aver avanzato molteplici offerte all’ex marito, e sapendo che in futuro l’azienda sarebbe stata ereditata dai loro bambini, ha trovato un imprenditore esperto nel campo vinicolo. Ascoltando queste parole sembra proprio che sia stato l’attore a rifiutare l’offerta di Jolie per danneggiare la sua famiglia, che riceverà in eredità solamente metà dell’azienda. Se mai Brad la concederà.

L’incidente avvenuto sul jet

Il fatto in questione ricalca perfettamente quanto avvenuto nel 2016 a Brad Pitt e Angelina Jolie. Durante un volo su un jet privato che li riportava a casa dall’Europa insieme ai figli, l’attore ebbe una lite con il primogenito Maddox.

A partire da quel momento non solo i due non si parlano, ma il ragazzo ha anche testimoniato contro di lui a processo e non vuole più il suo cognome. Subito dopo il litigio, una denuncia anonima fece partire le indagini dell’Fbi. Si conclusero a novembre dello stesso anno senza che Pitt fosse accusato di qualcosa. Nel giro di pochi giorni, però, Angelina Jolie fece domanda di divorzio.

Sara Mellino

Back to top button