Gossip e Tv

Antonio Ricci, Claudio Baglioni e la dichiarazione sul sequestro del libro di Striscia la Notizia

Ecco le dichiarazioni riportate da Antonio Ricci sul sequestro del libro di Striscia la Notizia su Claudio Baglioni.

Antonio Ricci, Claudio Baglioni e la dichiarazione rilasciata

Dichiarazione di Antonio Ricci sul sequestro del libro di Striscia la notizia su Claudio Baglioni

«Noi non abbiamo offeso nessuno. Abbiamo raccolto e verificato le segnalazioni di spettatori e fan pentiti. I giudici stabiliranno se siamo nei limiti della satira. Per me si tratta di una manovra intimidatoria di Baglioni nei confronti di una libera trasmissione. È una questione di libertà. Tutto si può toccare, tranne il divino Baglioni? E no! La satira è essenziale nel viver civile. Tutto quello che c’è nel libro è vero. E poi non lo abbiamo accusato di plagio, ma più elegantemente di amnesia verso le fonti. Scrive nel 1957 Lec (scrittore polacco, ndr) “…ci sono zebre che starebbero anche in gabbia pur di passare per dei cavalli bianchi…”. Canta nel 1999 Baglioni “…viviamo come zebre e poi, rinchiusi dietro gli steccati, illusi di sembrare dei cavalli bianchi…”. Ma è evidente che non si tratta di un plagio. Baglioni le sue zebre le chiude dentro uno steccato, mica in una gabbia come quel banale di Lec».

Back to top button