21.3 C
Roma
Maggio 17, 2021, lunedì

Attacco in un sito archeologico romano in Giordania, arrestato l’aggressore

- Advertisement -

Un uomo di 22 anni armato di coltello è stato autore di un’aggressione ai danni di ben otto persone che stavano visitando il sito archeologico romano in Giordania

Otto persone risultano ferite in seguito a quello che poteva sembrare inizialmente un attacco terroristico. L’assalitore è un giovane di 22 anni, presunto fanatico, che probabilmente proveniva dal vicino campo profughi palestinese di Souf.

I motivi dell’attacco restano ancora sconosciuti. Stando alle testimonianze dei presenti il criminale era vestito di nero, con una lunga barba e brandiva un coltello. Il gesto sarebbe avvenuto poco prima di mezzogiorno quando più o meno un centinaio di turisti stavano visitando il famoso sito archeologico romano.

L’assalitore è riuscito a ferire otto persone prima di darsi alla fuga, quattro guide turistiche e tre stranieri si sono lanciati all’inseguimento dell’uomo e lo hanno bloccato fino all’arrivo dei poliziotti. Gli agenti lo hanno poi immediatamente arrestato.

Porta sud di Jerash, sito archeologico in cui è avvenuto l'attacco.
Fonte: Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Due dei feriti, una guida turistica e un cittadino messicano, si trovano in gravi condizioni e sono arrivati ad Amman grazie all’elicottero. I feriti sono tre giordani, due messicani e una cittadina svizzera, il Dipartimento federale degli affari esteri però non ha fornito ulteriori particolari a riguardo.

Stando ad alcune testimonianze, per i passanti è stato estremamente facile vedere i feriti poiché la polizia non aveva allestito alcun cordone di sicurezza. Dopo l’attacco le visite al sito archeologico sono continuate normalmente.

Non è il primo attacco

Jerash è considerata la Pompei del Medio Oriente, ogni anno 50.000 visitatori italiani visitano il sito archeologico, assieme a Petra è una delle località con più turisti. Nonostante la Giordania venga considerata come uno dei luoghi più sicuri del Medio Oriente in passato è stato più volte luogo di attentati.

Nel dicembre del 2016, ad esempio, un gruppo di uomini armati uccise 7 persone in una serie di sparatorie avvenute nella località turistica di Karak. Il gruppo si era barricato in una fortezza con degli ostaggi, l’Isis aveva poi rivendicato l’attacco.

Seguici su Facebook

Leggi anche: Uccisa donna palestinese dalle forze dell’ordine

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -