Attualità

Aumento dei contagi: fermi decine di treni e altri servizi essenziali

Adv

Il propagarsi della pandemia di Covid con la variante Omicron rischia di paralizzare il Paese. Con l’aumento dei contagi, infatti, fermi decine di treni e sospesi altri servizi essenziali. Il problema è l’assenza di personale addetto ai mezzi pubblici, con l’incognita del 10 gennaio in vista della riapertura delle scuole e la ripresa delle attività lavorative.

Aumento dei contagi: a rischio mezzi pubblici e altri servizi

La mattina del 7 gennaio Trenitalia ha mobilitato il suo personale per impedire ai viaggiatori di salire sui treni se sprovvisti di green pass. Con il propagarsi della quarta ondata i controlli sui mezzi pubblici si fanno sempre più rigidi. Solo venerdì, nel Veneto, a causa della mancanza di personale sono stati soppressi 77 collegamenti regionali e 15 ne verranno cancellati i giorni seguenti.

Aumento dei contagi: fermi decine di treni e trasporti nel caos

Sono proprio i servizi pubblici e i mezzi di trasporto a subire di più gli effetti della diffusione della quarta ondata pandemica e del diffondersi dell’emergenza sanitaria. L’azienda trevigiana Mom ha dovuto sospendere, il 6 gennaio, tutti i collegamenti urbani ed extraurbani a causa di parte del personale non vaccinato e contrario al green pass.

Secondo il Presidente di Mom, Giacomo Colladon, la preoccupazione crescerà il 10 gennaio in vista delle nuove restrizioni emanate dal Governo e la riapertura delle scuole. Il caos perdura ed è costante.

Quarta ondata: in bilico altri servizi essenziali

Aumento dei contagi: fermi decine di treni e non solo. Anche il Sindaco di Verona, Federico Sboarina, non prospetta uno scenario semplice da gestire soprattutto per quanto riguarda i servizi essenziali per la cittadinanza.

A rischio il personale delle strutture sanitarie per anziani, le RSA, come il servizio di raccolta di rifiuti urbani e quello delle mense. Non solo, spiega il sindaco, ma se si ammala un dipendente comunale dell’ufficio paghe c’è il rischio che non vengano erogati gli stipendi.

Related Articles

Back to top button