Avril Lavigne 2018

Avril Lavigne è una della cantautrici canadesi più famose e di successo, dietro solo a Celin Dion e Shania Twain. A soli 18 anni incide una delle canzoni, ancora oggi, più amate e cantate dai ragazzi: Complicated. Un’artista fuori dagli schemi che ha cambiato spesso look, rimanendo salda a un mondo musicale moderno e coinvolgente. Nel bel mezzo del successo, a causa di una malattia, si è dovuta allontanare dalle scene. Durante la sua carriera ha venduto più di quaranta milioni di album e ha ricevuto otto candidature ai Grammy Award.

Avril Lavigne, idolo dei teenager

Avril Lavigne nasce a Belleville, in Canada, il 27 settembre 1984 e decide di entrare nel mondo della musica sin da bambina. A 16 anni decide di trasferirsi a New York dove inizia a conoscere l’universo discografico, riuscendo a firmare il suo primo contratto. È il 2002 quando Avril, appena diciottenne, pubblica Let Go e sfonda immediatamente tutte le classifiche con i singoli Complicated, Sk8er boy e I’m with you. L’album raggiunge la prima posizione in diversi paesi e Avril diventa un idolo per i tanti teenager dei primo anni 2000.

Avril Lavigne – Complicated (Videoclip ufficiale 2002)

Con il nuovo disco, Under my skin, uscito nel 2004, la cantautrice canadese decide di imprimere più personalità alle canzoni e ad arrangiare in maniera più consapevole e dura l’interno lavoro. Viene fuori una Avril più dedita al pop-rock. I brani di grandi successo come Don’t tell me, My happy ending e Nobody’s home, le permettono di raggiungere la prima posizione della classifica musicale più famosa in America. Sonorità più frizzanti e femminili, invece, vengono presentate con il terzo album in studio, Best Damn Thing del 2007.

Qui Avril decide di tornare a uno stile più pop, proponendo un’alternanza tra suoni scatenati e tematiche introspettive. Questo è reso evidente in brani come Girlfriend, hit mondiale che propone un sound più giocoso, e Innocence, una ballad lenta e riflessiva. Dopo una pausa di circa quattro anni, l’artista torna nel 2011 con un nuovo album dal titolo Goodby Lullaby. Un lavoro discografico più maturo e focalizzato sul racconto delle esperienze personali della cantante. I singoli What the hell e Smile propongono una nuova Avril, più profonda e onesta.

Avril Lavigne

La malattia e la rinascita di Avril

Il quinto album lo intitola con il suo nome e cognome, Avril Lavigne, ed esce nel novembre del 2013, anticipato dal singolo pluripremiato, Here’s to Never Growing Up. Dopo il periodo dei live che ha tenuto impegnata l’artista fino ad agosto del 2014, i fan vivono con apprensione un lungo momento di assenza dai social della cantante. A marzo del 2015 Avril Lavigne rompe il silenzio. Decide di raccontare ciò che le stava accadendo da diversi mesi, con un’intervista rilasciata alla rivista People Magazine. La cantautrice afferma di aver contratto la debilitante malattia di Lyme che l’ha costretta a stare a letto per cinque lunghi mesi.

Avril racconta così la sua condizione: “Mi sono sentita come se non potessi respirare, non riuscivo a parlare e non riuscivo a muovermi; credevo di stare per morire“. Dopo i mesi passati a guarire, Avril si prende del tempo per sé e solo nel 2019 decide di tornare a cantare con il nuovo album, Head Above Water. Il nuovo percorso discografico ricomincia dal racconto del periodo più buio della sua vita. Nel testo di Head Above Water, Avril si è lasciata andare narrando la sua sofferenza e la rinascita. L’artista adesso è tornata alla ribalta ed è attesa in Italia per il suo tour nel 2021.

Seguici su

Facebook

Metropolitan Music

Instagram

Twitter

Spotify

© RIPRODUZIONE RISERVATA