“Bad Boys 2”: distruzione totale, un film di Michael Bay

Per chi era ragazzino all’epoca, il primo Bad Boys del 1995 di Michael Bay, rimane uno dei simboli più potenti della MTV Generation e degli anni ’90 in generale, uno dei più bei Buddy Cop Movies di tutti i tempi, che ha rivoluzionato il genere e lanciato Will Smith e Martin Lawrence, di sicuro la coppia di sbirri più simpatica di sempre.

L’intro del film si apre con un prologo itinerante che tocca Amsterdam e il Golfo del Messico prima di arrivare a Miami dove, nel mezzo di un incontro, intervengono i due protagonisti a suon di pallottole. Nella prima mezzora si potrà assistere un inseguimento pazzesco, lunghissimo, con auto volanti lanciate da un camion (scena che si rifà al film La Recluta del 1990, di e con Clint Eastwood) e un motoscafo che esplode nel mezzo di un’autostrada (scena che potrebbe apparire inizialmente finzione ma che è realtà).

Bad Boys 2 - Credits -Web
Bad Boys 2 – Credits -Web

Bad Boys 2: Il Trailer

Il regista, come di consueto, pianifica le sequenze al millimetro con un montaggio serrato, inquadrature di ogni tipo, con camere piazzate persino sulle autovetture, cercando di cogliere i dettagli di schianto e collisioni. Pallottole, fuoco e fiamme, morti ammazzati con un bodycount che conta 51 vittime.

Entrambi gli attori hanno messo peso, l’ex principe di Bel Air ha messo massa insieme a Martin che appare più rotondetto. Il carisma di Will Smith gli permette di rubare la scena più volte, specie nelle sequenze d’azione, ma Martin Lawrence fa il suo e gli viene concesso l’onore dell’ultima pallottola, all’opposto di quanto accaduto nel primo Bad Boys.

Bad Boys 2: I personaggi

I due confermano e rafforzano il feeling con passi in avanti che si notano nella caratterizzazione dei due personaggi e in particolare del loro rapporto. Si rivela azzeccato l’inserimento del personaggio di Syd Burnett, sorella di Marcus (e nuova fidanzata di Mike) ben interpretata da Gabrielle Union.

Un bravo Jordi Mollà indossa i panni del villain citando John Gotti (la frase in cui minaccia il russo di decapitarlo, presa da una scena di Gotti), magari stereotipato, il solito sudamericano sadico, ma decisamente azzeccato; presente anche l’attore Yul Vazquez alias Reyes assieme a Peter Stormare e Oleg Taktarov, i due esponenti della mafia russa e il commissario Joe Pantoliano. Ritornano anche Theresa Randle (la moglie di Marcus) e John Salley (Fletcher, ex galeotto esperto di computer).

La Trama

Bad Boys II appartiene alla categoria di quei sequel ad azione a manetta e umorismo con due attori collaudatissimi e una regia determinante di Michael Bay grazie alla sua visione di cinema spettacolare con montaggio serrato e inquadrature di ogni tipo. Gli agenti della narcotici, Mike Lowrey e Marcus Bennet, indagano sul traffico di extasy a Miami. Mentre i due devono fronteggiare una vera guerra tra gang rivali per il controllo della droga.

Il film debutta il 9 luglio 2003 nelle sale americane ed il 18 ottobre in quelle italiane. Chiude il suo tour mondiale con un incasso complessivo di oltre 273 milioni di dollari. Per molti anni si parlerà di un nuovo sequel che stenterà a trovare la sua realizzazione a causa dei cachet di Michael Bay e Will Smith e della loro agenda.

Will Smith e Martin Lawrence alias gli agenti della narcotici in Bad Boys - 2- Photo Credits - Web
Will Smith e Martin Lawrence alias gli agenti della narcotici in Bad Boys – 2- Photo Credits – Web

Giuliana Aglio

Seguici su:

Facebook

Metropolitan Cinema

Instagram

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo precedenteItas Trentino-Sir Safety Perugia ai raggi X
Articolo successivoScuola di ballo del Teatro San Carlo, il giallo
Laureanda in Scienze Politiche delle Relazioni Internazionali e Diplomatiche: Storia, Cultura, Mondo, Attualità, presso Unict. Amante della Settima Arte visionaria, come testimonianza storica d'impegno civile e documentaria, costantemente ispirata da registi del calibro di Steven Spielberg, Martin Scorsese, Chris Columbus, Taika Waititi, Todd Phillips, Guillermo del Toro, Christopher Nolan e Denis Villeneuve. Innamorata dei Musical quali "The Greatest Showman" e del tanto acclamato "A Star is Born". Aspirando alla carriera da regista continuerò ad emozionarmi non smettendo mai di sognare attraverso l'inspiegabile piacere che il cinema regala con la "magia" capace di rendere meravigliose le cose ordinarie e la "bellezza" di spingerci dove non ci sono confini e orizzonti.