Bimba di Matera muore per intossicazione da slime, metanolo nel sangue

Il 12 Ottobre, una bambina di Matera muore nell’ospedale Bambino Gesù di Roma. Trovate traccia di metanolo nel sangue. Ipotesi è che la vittima possa aver ingerito una dose di slime fatto in casa.

Una bambina di Matera è morta all’ospedale Bambino Gesù di Roma, dopo essersi sentita male nella cittadina della Basilicata, dove i medici hanno voluto attuare un trasferimento d’urgenza a Roma. Dopo diverse settimane, i risultati dicono che sia morta da intossicazione da metanolo, sostanza contenuta in alcuni prodotti come la schiuma da barba. L’ipotesi, ancora non chiara e da verificare, è che la vittima possa aver ingerito una piccola dose di Slime autoprodotto, che si può produrre con la schiuma da barba. 

PHOTO CREDITS: INSALUTENEWS.IT

Scrive il corriere della Sera: “Non ci sono al momento prove della relazione tra i valori del sangue alterati e il decesso della bambina — che ha sofferto di due attacchi di cuore senza avere mai avuto patologie specifiche — e non ci sono cause legate al gioco in sé.Si sarebbe trattato, nel caso, di un decesso quanto mai accidentale, forse un’allergia”. 

I magistrati hanno dato disposizione ai carabinieri di Matera di controllare la scuola, la casa ed il quartiere dove la bambina viveva insieme alla sua famiglia; in tutti i casi, non si sono trovati segni di patologie simile a quella della bambina. 

Che cos’è lo slime?

Prima il Das, poi gli spinner, ora lo Slime. Stiamo parlando di una sostanza gommosa e colorata che se schiacciata produce un rumore simile a quello di uno scoppiettio. Una sorta di gelatina che funziona come anti-stress e permette di dare sfogo alla propria creatività. A differenza dei suoi predecessori lo Slime, termine che in inglese significa «Bava», si può produrre direttamente a casa. Basta mescolare in una ciotola la polvere di borace, la colla, l’acqua e qualche goccia di colorante.

PHOTO CREDITS: YOUTUBE.COM

Il successo di questi anni sta anche nel fatto che si può produrre in casa. Oggi sono milioni i ragazzini ed i video che girano su internet dove si possono vedere diversi metodi per creare lo slime. Dietro a questo piccolo giocattolo si è creato una micro-economia che però, probabilmente, non durerà ancora per molto. Come tra l’altro è successo con gli spinner, in voga questa estate.

Francesco Santoleri

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA