La notizia di calciomercato delle ultime ore vorrebbe Inter e Juventus pronte a trattare lo scambio tra Federico Bernardeschi e Nicolò Barella. I due assi della Nazionale di Mancini hanno una valutazione economica, praticamente simile, intorno ai 40 milioni e dunque si tratterebbe di uno scambio alla pari.

In termini economici, la differenza tra i due, sta nelle cifre dei rispettivi contratti. Nicolò Barella percepisce all’Inter circa 2,5 milioni di euro annui. Quasi il doppio, invece, il compenso di Federico Bernardeschi che ruota attorno ai 5 milioni annui. Lo juventino ex Fiorentina è in cerca di rilancio dopo una stagione di alti e bassi che ha generato numerose critiche arrivate dal tifo bianconero. Lo scambio, riportato da Interlive.it, potrebbe comunque prendere vita: la società di Zhang è facoltosa e non avrebbe problemi a pagare un ingaggio importante al calciatore attualmente alla Juventus.

Barella (Getty Images)
Barella (Getty Images)

Barella-Bernardeschi: scambio possibile?

Eppure sotto certi versi per lui questa stagione, sotto la guida di Maurizio Sarri, doveva essere quella della definitiva consacrazione. Rilancio che potrebbe arrivare sotto la guida di Antonio Conte che richiede, per la prossima Inter, un’ala destra che possa garantire prestazioni e continuità.

Diversa la situazione di Nicolò Barella. Il centrocampista cagliaritano, classe ’97, ha vissuto la sua prima stagione in nerazzurro in chiaro-scuro. Un avvio di stagione alla grande per l’ex Cagliari prima dell’infortunio di novembre, contro il Torino, che ha condizionato le prestazioni nella seconda parte di campionato.

Per la Juventus sarebbe un profilo ideale per andare a completare un centrocampo, giovane e dinamico, composto già da Rodrigo Bentancur ed il nuovo arrivato Arthur. Certo, mettere in piedi uno scambio di questo genere potrebbe non trovare il consenso del tifo, da sempre restio, ad operazioni di mercato tra le due rivali. Ma davanti all’altare sempre più utilizzato delle plusvalenze, i sacrifici difficilmente si rifiutano…

Seguici su Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA