Calcio

Benevento, Vigorito non ci sta: “Pronto ad andarmene”

Benevento, il presidente Oreste Vigorito non ci sta. Intervenuto a Radio Punto Nuovo, il patron del club giallorosso ha commentato la proposta della FIGC riguardante l’esito del campionato in corso. L’emergenza Coronavirus ha letteralmente messo in ginocchio l’intero Paese. In un momento di grande incertezza il destino della Serie B 2019/20 appare appeso ad un filo. La FIGC starebbe valutando l’ipotesi di far disputare i play-off in caso di mancata conclusione del campionato. La replica di Vigorito a tale eventualità non si è fatta attendere.

Benevento, promozione diretta a rischio: Vigorito minaccia di andarsene

Vigorito ha così commentato la proposta della Federazione:

“La Lega B vuole terminare questo campionato, non è normale dopo 28 partite annullare i sacrifici economici, finanziari di una tifoseria, di una società, di una città. Nell’ipotesi in cui dovessero negare al Benevento di salire in A, io cercherò di capire se tutto viene fatto in nome di un sacrificio generale. Se invece vengono premiate istanze di natura soggettiva per club che hanno maggiore rilevanza nazionale, il Benevento dovrà cercarsi un altro patron“.

Una posizione drastica, quella del presidente del club campano. Certo è che una stagione come quella disputata dagli Stregoni non è di quelle che si vedono spesso. Cifre importanti, numeri da record, un gioco spettacolare. 69 punti in classifica, + 20 sulla seconda. 54 reti segnate, soltanto 15 subite. Questo il bilancio fino al provvedimento che ha previsto lo stop del campionato cadetto fino al 3 aprile. Una promozione archiviata da tempo. Eppure l’emergenza nazionale potrebbe rimettere tutto in discussione.

Le dichiarazioni di Vigorito appaiono decisamente fuori luogo. Soprattutto in un momento del genere. Un momento in cui il calcio passa decisamente in secondo piano. Un momento in cui gli italiani non desiderano altro che svegliarsi da questo tremendo incubo, che purtroppo altro non è se non la triste realtà.

Certo è che una eventuale mancata promozione diretta lascerebbe il Benevento con l’amaro in bocca. Ma, forse, a questo sarebbe meglio pensare dopo. Sarebbe meglio lasciare maggiore spazio alla speranza piuttosto che alle polemiche. Quando gli stadi torneranno ad essere pieni di tifosi, quando la vicenda non sarà altro che un brutto, tragico ricordo.

Seguici su:

Pagina Facebook ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Account ufficiale Twitter Metropolitan Magazine Italia

Back to top button