Musica

Bill Withers: addio alla voce di “Ain’t no sunshine”

Addio a Bill Withers. Un’altra star del Soul e del Rhytm & blues che scompare e ci lascia le note delle sue canzoni più famose. Withers è scomparso all’età di 81 anni a causa di complicazioni cardiache, a Los Angeles. La notizia è stata comunicata solo oggi dai familiari ma la dipartita dell’artista è avvenuta lunedì 30 marzo. Proprio in questi giorni uno dei suoi successi, “Lean on me”, cantato anche da Mary J. Blidge, è diventato un inno alla lotta del Coronavirus. Molte persone hanno postato sui social il brano, intonandolo per sostenere il personale medico e sanitario.

Con la sua voce profonda e suadente, nel corso della carriera si è aggiudicato ben tre Grammy Awards. “Ain’t no sunshine”, “Just the two of us”, “Lovely day” sono alcuni dei titoli che lo hanno fatto conoscere al grande pubblico. Withers esordì al principio degli anni ’70.

Bill Withers
Bill Withers – Photo Credits: BBC.com

Bill Withers e le collaborazioni

Ha collaborato con grandi artisti come: James Brown, Etta James e B.B. King. Uno stuolo di star ha cantato le sue canzoni: Barbra Streisand, Michael Jackson, Liza Minnelli, Aretha Franklin, Tom Jones, Maroon 5, Linda Ronstadt, Paul McCartney, Sting, Joe Cocker, Mick Jagger, Al Jarreau, Diana Ross, Shirley Bassey e Willie Nelson. Le sue note sono state campionate per molti successi hip-hop, utilizzate da da Jay-Z, Akon, Kayne West, Tupac Shakur, Fatboy Slim, DMX e BlackStreet. Le note di Bill Withers hanno fatto anche da colonna sonora in molti film, tra cui: “Looking for Mr. Goodbar”, “Jerry Maguire”, “Jackie Brown”, “Notting Hill”, “The Bodyguard”, “American Beauty”, “Austin Powers 2: la spia che ci provava”, “The Heat”, “Girls Trip and The Secret Life of Pets”. Lo ricordiamo con queste sue parole:

“Scrivo e canto di tutto ciò che sono in grado di capire e sentire. Sento che è più sano guardare il mondo attraverso una finestra che attraverso uno specchio. Altrimenti, tutto ciò che vedi è te stesso e ciò che è dietro di te.

Seguici su Metropolitan Magazine e Metropolitan Music

Back to top button