Calcio

Biondi guida il possibile esodo da Catania? Tante le richieste per gli etnei

Archiviata l’avventura nei playoff di Serie C con un pareggio (1-1) che ha qualificato la Ternana al turno successivo in virtù del posizionamento migliore nella regular season, il Calcio Catania scende in campo per la sua partita più importante: quella della sopravvivenza sportiva. La società attende di conoscere il suo nuovo proprietario ed il futuro, finché non verranno presentate le offerte formali in occasione del procedimento competitivo, resta nebuloso. Un punto interrogativo che potrebbe spingere verso l’esodo diversi calciatori con Kevin Biondi in testa a tutti.

Kevin Biondi (Credit: Sabrina Malerba/ NewsCatania.com)
Kevin Biondi (Credit: Sabrina Malerba/ NewsCatania.com)

Biondi ma non solo: tante offerte per i calciatori del Catania

Prima di pensare alle beghe di calciomercato, ovviamente, i tifosi e tutta la città etnea aspettano di conoscere il nuovo proprietario del club. Una situazione complicata che, ovviamente, incide sull’umore dei calciatori ponendo gli altri club in una posizione privilegiata rispetto ai siciliani. Sedurre, in questa situazione, i professionisti rossazzurri potrebbe rivelarsi, infatti, estremamente più facile. Anche perché il Calcio Catania possiede diversi giocatori che fanno gola a tantissime squadra. Dalla Serie A alla stessa C.

Il caso più eclatante, in questo senso, riguarda Kevin Biondi: il classe 1999 è inseguito da Benevento e Sassuolo, due club della massima serie. Altre compagini estere, invece, sono interessate alle prestazioni sportive di Emmanuel Mbende con Cittadella e Modena in attesa di capire quando iscriversi alla corsa per il difensore centrale. Attenzione anche ai nomi di Tommaso Silvestri, Giovanni Pinto, Francesco Salandria, Davide Di Molfetta (quest’ultimo ha chiesto lo svincolamento), Luca Calapai, Alessio Curcio e Davis Curiale. Tutti nomi che animeranno certamente il prossimo calciomercato. Soprattutto se continuerà a persistere il velo d’incertezza generale sul Calcio Catania.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button