Birra belga, le caratteristiche e perchè provarla

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Per gli amanti della buona birra questa non è certo una novità, ma per tutti coloro che non sono affatto degli esperti la cosa potrebbe sorprendere: una delle migliori birre al mondo è sicuramente la birra belga, a detta di alcuni studi universitari.Ovviamente non è l’unica birra amata in Europa . Però sicuramente negli ultimi anni ha avuto un grande successo ed è stata apprezzata sia dagli appassionati che dagli addetti ai lavori per le sue peculiari caratteristiche: quindi è sempre consigliabile per chi non l’ha mai fatto provarla e assaggiarne tutti i sapori

 Il Belgio è uno dei paesi più piccoli dell’Europa occidentale, famoso per le sue patatine fritte, i waffle e la ricca cultura della birra. È 50 volte più piccolo dell’Italia, eppure produce 2.000 birre in più di 200 birrifici attivi. Tra queste birre ci sono alcune delle migliori birre del mondo. La maggior parte delle birre belghe sono realizzate appositamente e hanno un sapore immediatamente riconoscibile descritto come fruttato, erbaceo e speziato. Che tu sia un amante della birra o meno, il Belgio ha un profilo birrario per tutti. Se non hai ancora provato una birra belga, fallo e non perdere queste coccole per le tue papille gustative. Puoi acquistare la birra belga online e fartela consegnare a casa tua, oppure visitare un negozio di birra artigianale per ottenere i migliori consigli. Ecco i principali motivi per cui tutti dovrebbero provare la birra belga.

Nel corso del tempo, i metodi di produzione della birra belga tradizionali si sono lentamente evoluti in quello che sono ora

I belgi producono birra almeno dal dodicesimo secolo, molto prima che il Belgio diventasse un paese indipendente, anche prima della prima crociata. I francesi e i fiamminghi producevano birra per raccogliere fondi. All’incirca in quel periodo molti monaci e altri profughi perseguitati nei loro paesi fuggirono in Belgio in cerca di libertà religiosa. Questi monaci erano alfabetizzati e portavano con sé tutte le loro ricette. Iniziarono a produrre birra per mantenersi e trasformarono la birra in un affare monastico. In Belgio, non c’erano limitazioni sulla produzione della birra. Quindi, i monaci birrai erano liberi di provare qualsiasi ingrediente e processo desiderassero. Durante questi periodi, la produzione della birra fiorì, diventando sempre più popolare. I belgi bevevano birra invece dell’acqua. L’acqua potabile disponibile non era sicura a causa delle sue condizioni igieniche e la birra sembrava essere un’opzione più sicura ed economica. Anche i bambini bevevano birra e questa pratica è continuata fino agli anni ’70. Una popolare birra da tavola chiamata Piedboeuf con l’1,1% di alcol e molto zucchero è stata persino distribuita alle scuole e servita ai bambini come bevanda salutare per la pausa pranzo. Fino a quando non hanno scoperto che non lo era e l’hanno tagliato. Nel corso del tempo, i metodi di produzione della birra tradizionali si sono lentamente evoluti in quello che sono ora, risultando in un’ampia varietà di stili, tecniche e gusti di birra che non possono essere trovati da nessun’altra parte.