Economia

Bonus pc e tablet: a chi spetta, come funziona e come averlo

Il bonus pc e tablet 2021 sta per giungere al termine, visto e considerato che la scadenza per ottenerlo è stata fissata per il prossimo 1° ottobre. Resta dunque poco meno di un mese per fare richiesta del voucher “tecnologico” per le spese relative alla connessione internet e al device (pc o tablet) per navigare. Una misura introdotta dal secondo governo Conte, con l’intento di superare la scarsa digitalizzazione di una parte del Paese.

Nel concreto si tratta di sconti a disposizione delle famiglie per venire incontro alle loro “esigenze di connettività” in un periodo appunto di smartworking e teledidattica; in soldoni si tratta di un bonus per dotarsi di una rete internet a banda ultralarga e, contestualmente, anche di un pc o di un tablet. Il bonus durerà un anno ma sarà possibile richiederlo fino a esaurimento scorte.

Esso mette a disposizione voucher per un valore complessivo fino a 500 euro per l’attivazione di connessioni veloci e per l’acquisto contestuale di pc o tablet. Come ricorda il “Corriere della Sera”, in particolare si parla di connettività ad almeno 30 megabit al secondo, per una somma non inferiore a 200 euro e di tablet o personal computer fornito dall’operatore (in questo caso la una somma non deve essere inferiore a 100 euro e non superiore a 300 euro). La cifra è da destinare alle famiglie con un Isee annuo inferiore a 20mila euro. Per ciascun nucleo familiare presente nella stessa unità abitativa è concesso un solo contributo”.

In particolare, il bonus pc e tablet 2021 potrà essere speso come sconto concesso direttamente dal rivenditore (solo operatori telefonici, secondo quanto stabilito dal decreto) per l’acquisto di una connessione rete fissa a banda ultralarga, con velocità in download di almeno 30 mbps (megabit al secondo), per un periodo di almeno 12 mesi. Per ottenerlo, sarà sufficiente presentarsi presso un qualsiasi punto vendita di un qualsiasi operatore telefonico, purché questo sia iscritto al portale di Infratel Italia.

Non è possibile richiedere il voucher esclusivamente per avere il tablet o il pc, che si possono avere solo a seguito della sottoscrizione di un contratto di connettività a banda ultralarga non inferiore ai 30 Mbits/s. I dispositivi pertanto vanno chiesti direttamente al provider con cui si sottoscrive una connessione internet. Con la sottoscrizione del contratto di connettività, infatti, è possibile utilizzare parte del bonus per l‘”acquisto” di dispositivi elettronici come tablet e pc scelti e forniti però dallo stesso operatore con il quale si attiva il contratto internet.

Nel manuale operativo del Piano Voucher, il Ministero ha chiarito che questi dispositivi non sono in comodato d’uso (come era stato inizialmente previsto) ma vengono pagati dall’utente con una parte del valore del voucher per tutta la durata del contratto di connettività (12 mesi), al termine del quale questi dispositivi rimangono di proprietà dell’utente.

Nel caso di recesso dal contratto per il passaggio a un altro operatore, l’utente manterrà il tablet o il personal computer fornito dall’operatore originario. Il subentrante fornirà solo il servizio di connettività, per l’ammontare residuo del voucher.

L’istanza, rammenta il “Corriere”, dovrà essere corredata “dalla copia di un documento di identità in corso di validità e da una dichiarazione sostitutiva attestante che il valore dell’Isee relativo al nucleo familiare di cui fa parte non supera i 20mila euro su base annua e che i componenti dello stesso nucleo, e per la stessa unità abitativa, non hanno già usufruito del contributo. Sarà poi cura dell’operatore telefonico inserire sul portale messo a disposizione da Infratel tutti i dati del beneficiario del voucher e del contratto stipulato, con le caratteristiche tecniche dell’eventuale tablet o pc incluso nell’offerta”.

Come richiedere il bonus Pc/ Tablet

Il bonus viene erogato da Infratel Italia (Infrastrutture e Telecomunicazioni per l’Italia S.p.A.), una società governativa interamente controllata da MiSE (Ministero dello Sviluppo economico). Il voucher non verrà dato direttamente in mano all’utente (come accade con altri tipi di bonus), ma andrà chiesto all’operatore di telefonia in fase di sottoscrizione del contratto internet.

Gli operatori interessati a partecipare all’iniziativa devono iscriversi su una apposita piattaforma gestita appunto da Infratel Italia (www.infratelitalia.it). Tutti gli operatori che aderiscono devono offrire alcune garanzie al consumatore: innanzitutto devono rendere riconoscibili in qualche modo le offerte sottoscrivibili grazie al voucher; in secondo luogo devono esplicitare in totale trasparenza quali costi sono coperti dal contributo e quali invece rimangono a carico dell’utente, in modo da fornire un quadro reale di quanto l’utente dovrà sborsare di tasca propria: il bonus, infatti, non copre tutti i costi per il canone di connessione e, solo con alcuni operatori, copre il costo totale per il dispositivo (nel momento in cui scriviamo gli operatori includono nelle loro offerte solo tablet e non pc).

Adv
Adv
Back to top button