Compie oggi 27 anni Bradley Beal, guardia nata a St. Louis e trascinatore dei Washington Wizards. Il team capitolino, infatti, senza le sue eccezionali prestazioni non sarebbe certo in lizza per conquistare i playoff in questa stagione. In questo giorno speciale per lui ripercorriamone la carriera.

NCAA e il primo anno in quel di Washington

Bradley Beal #23 of the Florida Gators porta palla lungo il campo mentre viene inseguito da Scoop Jardine #11 e Kris Joseph #32 dei Syracuse Orange durante una partita NCAA
Bradley Beal #23 of the Florida Gators porta palla lungo il campo mentre viene inseguito da Scoop Jardine #11 e Kris Joseph #32 dei Syracuse Orange durante una partita NCAA (Photocredits: Nate Shron/Getty Images)

Nel 2011-2012 ha frequentato la University of Florida, giocando per i Florida Gators. Nel suo primo anno è stato più volte nominato “Freshman of the week” ed è stato inserito nel quintetto dei migliori Freshman dell’anno. Il 13 aprile 2012 ha annunciato di voler rinunciare alla sua stagione da sophomore per rendersi eleggibile al Draft NBA 2012. Esattamente 8 anni fa, nel giorno del suo diciannovesimo compleanno, è stato selezionato dai Washington Wizards con la terza scelta assoluta. L’impatto con la Lega è di quelli di assoluto livello. È stato nominato infatti per ben due volte Rookie del mese della Eastern Conference. Nonostante ciò non ha vinto il premio di “Rookie of the year” in ragione della strepitosa stagione da matricola disputata da Damian Lillard.

La costante crescita di Bradley Beal in maglia Wizards

Bradley Beal #3 dei Washington Wizards porta palla durante una partita di regular season contro i Cleveland Cavaliers nel 2017
Bradley Beal #3 dei Washington Wizards porta palla durante una partita di regular season contro i Cleveland Cavaliers nel 2017 (Photocredits: G Fiume/Getty Images)

Nel suo anno da sophomore (2013-2014) ha ulteriormente migliorato le proprie statistiche. Ha infatti ottenuto medie da 17,1 punti, 3,7 rimbalzi e 3,3 assist a partita, imponendosi immediatamente come secondo violino della squadra dietro John Wall. Si è costantemente migliorato nel corso degli anni successivi, non limitandosi allo sfruttare le sue indubbie qualità di ottimo tiratore dall’arco ma migliorando anche nelle fasi di attacco al ferro. Il tutto è stato accentuato ulteriormente a seguito dell’infortunio occorso alla stella del team John Wall, fermo dal febbraio del 2019. In questo lasso di tempo Beal si è conquistato legittimamente il titolo di leader offensivo dei Wizards. Nonostante questo sono sempre più insistenti le voci di un suo possibile approdo in una contender nella prossima stagione. Nel prime della sua carriera l’obiettivo è infatti quello di vincere il titolo al più presto.

Per ulteriori aggiornamenti sul mondo del basket, clicca qui
Seguici sulla nostra pagina Facebook
Per tutte le news iscriviti a Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA