Cinema

Bruce Willis: gli incidenti sul set prima della diagnosi di afasia

L’attore statunitense Bruce Willis a 67 anni si ritira dalla recitazione. Ad annunciare la notizia sono stati i familiari sui social network. L’afasia, la malattia che lo ha colpito gli impedisce di comunicare ed esprimersi normalmente. Apparentemente l’attore ha avuto anche alcuni incidenti sul set prima della diagnosi ufficiale.

Bruce Willis e l’afasia, una malattia silenziosa

L’attore a soli 67 anni soffre di una malattia cosiddetta “silenziosa” perché coloro che vengono colpiti da questo disturbo sono sempre più isolati man mano che la malattia procede. L’afasia è una disfunzione che colpisce le funzioni del linguaggio. È una malattia quindi che comporta gravi conseguenze come l’incapacità di scrivere, leggere, parlare, comprendere o ripetere frasi e parole. Le cause di questa malattia possono essere diverse, spesso però sono collegate a dei traumi che possono comprendere ictus, emorragie celebrali, trauma cranici o disturbi neurodegenerativi.

La causa principale dell’afasia di Bruce Willis non è stata rivelata dai familiari che però hanno annunciato pubblicamente sui social che l’attore si ritira dal palcoscenico. È una scelta inevitabile per chi, come lui, ha la necessità di lavorare con le parole. Per l’afasia non esiste una vera e propria cura, l’unico strumento in grado di poter migliorare le condizioni dei pazienti affetti da questa malattia è la logoterapia assieme all’utilizzo di dispositivi di comunicazione. È una malattia che porta la maggior parte dei pazienti all’esclusione sociale. Non riuscendo più ad interagire con le persone e con il mondo esterno, gli afasici spesso si isolano totalmente.

Gli incidenti sul set prima della diagnosi

Da quanto emerge, Bruce Willis avrebbe accennato i primi disturbi che comporta l’afasia proprio durante alcuni set. A rivelare questa notizia è stato il New York Post affermando che l’attore avrebbe utilizzato durante delle riprese delle pistole con dei proiettili veri e non solamente delle armi a salve. Già l’anno scorso infatti a Willis sarebbe capitato di ritrovarsi in momenti di straniamento e confusione durante alcuni set. Per questo motivo, successivamente, utilizzata un apparecchio acustico chiamato “earwig” mediante il quale gli suggerivano le battute da ripetere durante le riprese.

Camilla Tecchio

Segui tutte le nostre NEWS

Back to top button