Calcio

Calciomercato Pescara: tanti nuovi innesti, ma basterà per salvarsi?

Adv

Il Pescara è stato senza dubbio tra i protagonisti indiscussi della sessione di mercato appena conclusasi. I Delfini hanno messo a segno ben 20 operazioni, considerando sia le entrate sia le uscite. La situazione in classifica resta drammatica, con gli abruzzesi inchiodati all’ultimo posto a quota 16 punti. I colpi di calciomercato del Pescara basteranno per evitare le sofferenze già patite nella scorsa annata e centrare la salvezza?

Calciomercato Pescara, i colpi in entrata

Il Pescara ha rinforzato la propria rosa con ben nove innesti. Il tecnico Roberto Breda potrà contare innanzitutto su due centrocampisti di esperienza come Daniele Dessena e Nicola Rigoni. Il primo è stato un colpo last minute acquistato a titolo definitivo dal Brescia, con opzione a favore degli abruzzesi in caso di salvezza. Il secondo, obiettivo del club biancarrurro già da diversi giorni, è invece arrivato in prestito dal Monza. Sempre con la formula del prestito, dal club lombardo è giunto in Abruzzo anche José Machin, tra i profili più interessanti che hanno portato i Brianzoli al ritorno in Serie B.

Altri due giocatori sono invece stati prelevati dal Benevento: il centrocampista ghanese Abdallah Basit (prestito con diritto di riscatto) e il difensore Massimo Volta (in prestito). Sono inoltre arrivati (anche essi con la formula del prestito) il centrocampista Andrea Tabanelli (dal Frosinone) e gli attaccanti Nicola Giannetti (dalla Salernitana, con cui ha collezionato 19 presenze e segnato 2 reti) e Jens Odgaard (21enne danese di proprietà del Sassuolo). Chiude il quadro dei nuovi arrivi un altro danese: il difensore svincolato Frederik Sørensen, che ha già vestito in Italia le maglie di Juventus, Bologna ed Hellas Verona.

Il mercato in uscita

Il Pescara ha però anche ceduto alcune pedine. L’attaccante spagnolo Raul Asencio, di proprietà del Genoa, è stato girato in prestito alla Spal. Il giocatore è stato tra i protagonisti indiscussi della salvezza del Cosenza nella scorsa stagione (da gennaio a giugno 2020 ha realizzato 7 reti in 15 presenze). Il difensore Paweł Jaroszyński si è trasferito a titolo temporaneo alla Salernitana, nella stessa operazione che ha visto il passaggio di Giannetti alla corte di Breda.

Anche l’asse Pescara-Benevento è stata particolarmente viva. Mentre Basit e Volta vestiranno la maglia biancazzurra, Filippo Inzaghi potrà inserire due nuovi elementi nel suo scacchiere. Si tratta di due centrocampisti: il ghanese Amadou Diambo (in prestito con diritto di riscatto) e il 17enne Riccardo Rossi (prestito con obbligo di riscatto, con il 50% che andrebbe al Delfino in caso di futura rivendita del classe 2004). Due giocatori sono invece approdati all’Arezzo in Serie C: il difensore Cristian Ventola (a titolo definitivo) e l’ala sinistra Andrea Di Grazia (in prestito).

Chiudono la lista altri cinque prestiti. Gli attaccanti Miloš Bočić e Cristian Bunino sono finiti, rispettivamente, alla Pro Sesto e al Monopoli. Il difensore Edgar Elizalde e l’attaccante Gennaro Borrelli ripartiranno invece dalla Juve Stabia. Il centrocampista Lorenzo Crecco sarà invece il nuovo rinforzo di Roberto Occhiuzzi al Cosenza.

Pescara, la salvezza è davvero possibile?

Dopo un gennaio così movimentato sul fronte calciomercato, la domanda appare ora lecita. I nuovi innesti saranno sufficienti al Pescara per raggiungere la salvezza? Certo, sono arrivati giocatori con una certa esperienza nel torneo cadetto (Dessena e Rigoni in primis, ma anche Tabanelli). Ma bisognerà mutare atteggiamento. La salvezza ottenuta in extremis lo scorso anno ai danni del Perugia rischia di diventare un miraggio nell’annata corrente.

Oltre alla posizione in classifica, a preoccupare sono le statistiche. Peggior difesa del campionato (35 reti subite) e secondo peggior attacco (16 reti all’attivo) dopo quello del Cosenza (15). La vittoria di misura contro la Reggiana ad inizio anno è stata un fuoco di paglia. Dopo sono infatti arrivate tre sconfitte consecutive. Il prossimo avversario degli uomini di Breda sarà una Reggina anche essa in difficoltà. Un’occasione che i Delfini dovranno assolutamente sfruttare. Un altro eventuale errore potrebbe compromettere seriamente i residui barlumi di speranza di salvezza e, con essi, la posizione del tecnico di Treviso.

Seguici su:

Pagina Facebook ufficiale Metropolitan Magazine

Account ufficiale Twitter Metropolitan Magazine

FEDERICO TRAPANI

CREDIT FOTO QUI

Adv
Adv
Adv
Back to top button