Quando il difensore si traveste da attaccante. Questa è la sintesi perfetta della partita Sampdoria-Benevento terminata pochi minuti fa. Le “Streghe” di Filippo Inzaghi, sotto di due reti dopo il doppio vantaggio griffato da Fabio Quagliarella ed Omar Colley, sono riuscite a conquistare la prima vittoria in campionato sul difficile campo del “Luigi Ferraris” sfoderando l’artiglieria pesante dalla retroguardia. Le reti dei campani, infatti, provengono tutte dalla difesa: Luca Caldirola, autore di una doppietta, e Gaetano Letizia hanno ribaltato il match in terra genovese regalando all’ex tecnico del Bologna il primo, fondamentale, acuto in Serie A. Per Claudio Ranieri, mister dei blucerchiati, è la seconda sconfitta consecutiva dopo il ko esterno in casa della Juventus: 6 goal incassati e 2 fatti. Un inizio da incubo.

Caldirola-GettyImages

Caldirola, il goal scoperto in Campania

Il mattatore di giornata, in casa Benevento, è certamente Luca Caldirola. Il difensore scuola Inter, contro la Sampdoria, ha siglato la doppietta che ha dato il via alla rimonta dei campani sul campo dei genovesi. L’acuto da tre punti, invece, è stato griffato da Gaetano Letizia. Non certo un attaccante. Luca Caldirola, calciatore nato in Brianza, ha scoperto il feeling con il goal da quando veste il giallorosso: nella sua lunga carriera (trascorsa tra Italia e Germania), il difensore aveva realizzato una sola rete con la maglia del Werder Brema. Sotto gli influssi benefici della “Strega“, invece, è andato a segno ben 7 volte dal 2019. Un piccolo record personale che ha permesso, oggi, ai campani di espugnare il “Luigi Ferraris“. Per la gioia di Filippo Inzaghi che potrà contare, per il resto dell’anno, su difensori con il vizio del goal. Fondamentale per la corsa verso la salvezza

Seguici su Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA