Cultura

Carlo Acutis: “l’Influencer di Dio”

Ieri 10 ottobre 2020 Carlo Acutis, il quindicenne morto nel 2016 in seguito ad una fulminante leucemia è stato proclamato Beato. Il giovane ha ricevuto la beatificazione nella Basilica superiore di Assisi. Carlo era molto legato alla città umbra perché devoto del suo patrono, San Francesco. Originario di Londra il quindicenne è cresciuto a Milano. Carlo nel corso della sua breve vita ha messo a frutto il talento informatico per accrescere la schiera di “follower di Gesù”. Papa Francesco, durante il “Christus vivit“, lo ha presentato ai giovani come modello di vita e di fede cristiana dell’era digitale.

La proclamazione di beato pronunciata dal cardinale Agostino Vallini durante la messa celebrata ad Assisi ha commosso i fedeli. La prima a definirlo “l’influencer di Dio” è proprio la madre Antonia Salzano. La donna racconta del figlio che giocava a fare lo scienziato informatico, realizzando video con la sua telecamera. Carlo confezionava riviste online con l’unico scopo di diffondere la parola di Gesù.

Foto Basilica superiore di Assisi, chiesa di beatificazione di Carlo Acutis
Foto Basilica superiore di Assisi chiesa di beatificazione di Carlo Acutis photo credit: Web

Diceva spesso Carlo: ‘l’eucaristia è la mia autostrada per il cielo'”. E ancora: “Si va diritti in paradiso se ci si accosta tutti i giorni all’eucaristia”. Carlo asseriva inoltre che “la rete non è solo un mezzo di evasione, ma uno spazio di dialogo, di conoscenza, di condivisione, di rispetto reciproco, da usare con responsabilità, senza diventarne schiavi “. Deceduto a Monza, Carlo Acutis, neo beato, è sepolto ad Assisi nel rispetto delle sue volontà.

La memoria liturgica del beato Carlo Acutis sarà celebrata ogni anno il 12 ottobre, giorno della sua morte. Di Carlo Acutis si parla già come possibile “patrono” di Internet. Per la sua beatificazione è stato riconosciuto un miracolo. Questo riguarda la guarigione ritenuta inspiegabile di Matheus, un bambino brasiliano di sei anni affetto da una grave malformazione del pancreas. Sul web la mostra virtuale, progettata dall’adolescente alcuni mesi prima di morire dedicata ai miracoli eucaristici continua a riscuotere enorme successo.

di Loretta Meloni

Facebook

Instagram

Twitter

Back to top button