Dopo l’1-1 la squadra si è rifiutata di proseguire il ritiro imposto dal Napoli. Adesso si temono ripercussioni sugli azzurri. E Carlo Ancelotti rischia…

Dopo il pareggio di ieri sera, per 1-1, contro i campioni austriaci del Salisburgo (che non ha permesso agli uomini di Carlo Ancelotti di approdare già agli ottavi, in virtù della vittoria del Liverpool sul Genk), è scoppiato il caso all’interno di squadra e società azzurra, tanto da far passare il calcio giocato in secondo piano.

napoli squadra
Foto di squadra – da sscnnapoli.it

Cosa è successo a Napoli?

Dopo l’1-1 di ieri sera l’addetto stampa del Napoli si è presentato in zona mista informando i giornalisti che Ancelotti non si sarebbe presentato per la conferenza stampa del post-gara (andando peraltro contro il regolamento UEFA e quindi incontro a sanzioni).

Da quel momento sono iniziate ad uscire voci su voci, su cosa stesse succedendo tra mister, società e giocatori.

La squadra azzurra ha infatti deciso di disertare il ritiro imposto dalla società dovuto alle prestazioni poco convincenti e ai risultati deludenti che avevano fatto scendere il Napoli al 7° posto in classifica e, con ieri, non hanno fatto blindare il passaggio agli ottavi di finale di Champions League con ben 2 turni di anticipo.

Secondo Il Mattino, la scelta della squadra è stata unilaterale ma non concordata in precedenza né con la società, né con il mister di Reggiolo.

La Repubblica riporta invece quelle che, secondo la ricostruzione, sono state le parole di Insigne, capogruppo della “rivoluzione” (a cui hanno partecipato in qualità di “capi” anche i leader Mertens, Allan e Callejon): “Noi torniamo a casa nostra, dillo pure a tuo padre…”.

Ebbene sì, perché queste parole sono state indirizzate ad Edoardo De Laurentiis, figlio del presidente, poiché quest’ultimo, al momento dell’abbandono dell’impianto da parte dei giocatori, aveva già lasciato lo stadio.

lozano napoli
Il momento del goal di Lozano – da sscnapoli.it

Oggi l’allenamento: tutti a disposizione di Ancelotti

In questo clima surreale, la squadra è tornata stamattina ad allenarsi al Training Center di Castel Volturno, ma ancora oggi sono continuate ad uscire voci e indiscrezioni che spiegavano meglio la situazione.

Il giornalista di Repubblica Giovanni Scotto ha spiegato che “hanno fatto ammutinamento perché ci sarebbe stato un patto non rispettato per cessare il ritiro in caso di prestazione positiva. Da ieri protestano perché hanno saputo del ritiro solo dai giornali e chiedevano incontro con De Laurentiis che non c’è stato”. In realtà Massimo Ugolini di Sky Sport, inviato da Castel Volturno, ha confermato che AdL non aveva alcuna intenzione di sospendere il ritiro prima della sfida contro il Genoa, liberando poi i giocatori per le nazionali.

Intanto, come riporta tuttomercatoweb, i giocatori sono arrivati in mattinata al centro sportivo d’allenamento senza però fermare le loro auto, per cui è stato impossibile carpire qualche loro parola o il loro stato d’animo. Intorno alle 10.30 è arrivato anche il ds Giuntoli, anche lui senza fermarsi a parlare.

Sky Sport ha da poco svelato un retroscena sull’accaduto di ieri sera. Sarebbe stato Dries Mertens il primo a lasciare il San Paolo, seguito dai suoi compagni che non hanno rilasciato alcun tipo di intervista (se non Insigne subito dopo il 90° e Lozano al sito della UEFA).

Poco fa è intanto iniziato l’allenamento (come riferisce tuttomercatoweb) con tutti i giocatori presenti agli ordini di mister Ancelotti.

Carlo Ancelotti ora rischia, ma occhio all’Argentina

E’ di pochi minuti fa l’indiscrezione lanciata da Radio Marte, secondo cui il presidente Aurelio De Laurentiis (che ha sempre mostrato stima incondizionata verso Carletto – ancor più di quanto faceva con Sarri – dicendo spesso che lo avrebbe tenuto a vita), per non perdere il controllo della situazione, stia pensando addirittura di esonerare Carlo Ancelotti, che avrebbe dovuto convincere i suoi a non ammutinarsi.

Secondo Marca comunque Ancelotti stava pensando di liberarsi a gennaio, per andare ad allenare il Boca Junior. Questa nuova avventura potrebbe però essere un passo indietro per il tecnico di Reggiolo.

ancelotti napoli
Ancelotti, ora rischia l’esonero – da sscnapoli.it

Seguici su:

Pagina Facebook di Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA