Musica

Carlo Verdone, la batteria e Antonello Venditti

Carlo Verdone, il grande regista e attore romano che con i suoi film ha messo a nudo le contraddizioni dell’italianità facendoci ridere, ma anche riflettere, ha sempre avuto una cura particolare anche per il lato musicale delle sue produzioni, scegliendo spesso di persona i brani da inserire o gli artisti da coinvolgere nella composizione delle colonne sonore. La sua passione per la musica, però, è tanto grande da averlo reso anche un batterista amatoriale. Non sono rari gli eventi e le collaborazioni (tra cui quella con il caro amico Antonello Venditti) per cui Carlo Verdone sveste i panni del regista e indossa quelli del musicista.

La passione pubblica di Carlo Verdone per la batteria

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera nel 2018, Carlo Verdone dice: “Per i giovani la musica è un intrattenimento, io la musica la accolgo”, tanto da aver adibito una Stanza della Musica nella sua casa di campagna. Lì, nutrito dagli ascolti dei suoi vinili rock preferiti e dai poster di grandi concerti, si svolgono le sue sessioni alla batteria con l’accompagnamento del figlio, che suona invece la chitarra.
La passione di Verdone per la batteria non è un fatto privato: era dicembre 2019 quando, in occasione della premiazione per i 40 anni di carriera da parte dell’associazione culturale L’Alambicco, Verdone si è esibito alla batteria insieme al pianoforte di Romeo Scaccia.

Con Lucio Dalla e gli Stadio

Nel 2016 Verdone ha suonato la batteria anche con gli Stadio. Insieme, il regista e la band si sono esibiti in una due giorni a Brescia, raccogliendo fondi che hanno devoluto alla popolazione di Amatrice, duramente colpita dal terremoto durante l’estate di quell’anno.
Da una parte c’è stata la volontà, da parte di Verdone, di dare una mano a popolazioni di luoghi a lui cari (la sua casa di campagna si trova nel reatino), dall’altra la scelta degli Stadio per il sodalizio umano e professionale esistente fin dai tempi di Borotalco, uno dei film più riusciti di Verdone, del 1982.

Fu grazie al regista, infatti, che la band divenne conosciuta al grande pubblico. Rimasto positivamente colpito da una loro esibizione con Lucio Dalla, per cui facevano da gruppo di supporto, Verdone inserì le musiche di Dalla e degli Stadio nel film. La collaborazione con gli Stadio si rinnovò l’anno successivo, quando il gruppo partecipò alla colonna sonora di un altro film del regista romano, Acqua e Sapone.

Carlo Verdone, così, si mise nuovamente alla batteria, proprio con Dalla e gli Stadio, per suonare live questo brano. Mosso da uno spirito appassionato, seppure non un maestro di tecnica, Verdone si è cimentato anche con uno dei suoi miti musicali, Jimi Hendrix.

Questo è accaduto durante un evento speciale dedicato al regista nel 2018, quando ha fatto da batterista alla Mark Hanna Band nella cover di The Wind Cries Mary; nella stessa serata hanno suonato anche Further On Up the Road di Bobby “Blue” Bland.

La collaborazione con Antonello Venditti

Anche la storica amicizia tra Verdone e Antonello Venditti si è proiettata (inevitabilmente) sul fronte della musica, passione che hanno in comune oltre a quella per la Roma, la squadra della loro città. Più volte, infatti, Venditti ha chiamato l’amico regista a suonare per lui, sia durante le registrazioni degli album che dal vivo.

Verdone è stato alla batteria nel disco Prendilo tu questo frutto amaro del 1995, prestando anche la voce all’inizio del brano Tutti all’inferno. Sempre sua è stata la batteria in La ragazza del lunedì (Silvio), brano contenuto in Unica, album del 2011, e in Comunisti al sole, parte di Dalla pelle al cuore, uscito nel 2007. Andando ancora più indietro nel tempo, Carlo Verdone ha contribuito con le percussioni al brano Rocky, Rambo e Sting del 1986, a In questo mondo di ladri del 1988 e a Benvenuti in paradiso del 1991.

La collaborazione è avvenuta anche a parti inverse, con Venditti che ha firmato la colonna sonora del film di Verdone Troppo Forte, nel 1986.
I due amici hanno deliziato i loro fan anche dal vivo: sono state, queste, altre occasioni in cui Verdone si è cimentato nella batteria. La più festosa è stata quella del concerto del 2015 allo Stadio Olimpico di Roma, in cui il regista, chiamato sul palco dal cantante insieme ad altri amici e volti noti dello spettacolo, ha suonato Grazie Roma.


Francesca Staropoli

Continua a seguirci su:

Facebook
Instagram
Twitter
Spotify
Metropolitan Music

Adv
Adv

Francesca Staropoli

Multipotenziale, creativa e curiosa. Tutte cose che riesco a controllare solo scrivendo.
Back to top button