Tennis

Caso Peng Shuai: la WTA annuncia la sospensione di tutti i tornei in Cina

Le minacce del CEO della WTA, Steve Simon, sono diventate realtà: è stata decisa infatti la sospensione di tutti i tornei femminili in Cina e Hong Kong. Sono ancora troppi i punti oscuri della vicenda riguardante Peng Shuai, tennista cinese scomparsa ormai da un mese che attraverso i social aveva denunciato l’aggressione sessuale subita dall’ex vicepremier Zhang Gaoli. Di seguito l’annuncio di Simon sul sito della WTA:

Quando il 2 novembre 2021, Peng Shuai ha reso pubblica un’accusa di violenza sessuale contro un alto funzionario del governo cinese, la Women’s Tennis Association ha riconosciuto che il messaggio di Peng Shuai doveva essere ascoltato e preso sul serio. Le giocatrici della WTA, per non parlare delle donne di tutto il mondo, non meritano niente di meno.

Da quel momento in poi, Peng Shuai ha dimostrato l’importanza di usare la voce, in particolare quando si tratta di aggressioni sessuali, e specialmente quando sono coinvolte persone potenti. Come ha detto Peng nel suo post, «Anche se è come un uovo che colpisce una roccia, o se sono come una falena attratta dalla fiamma, che invita all’autodistruzione, dirò la verità su di te». Conosceva i pericoli che avrebbe dovuto affrontare, eppure si è comunque esposta pubblicamente. Ammiro la sua forza e il suo coraggio.

Da allora, il messaggio di Peng è stato rimosso da Internet e la discussione su questo serio problema è stata censurata in Cina. Ai funzionari cinesi è stata offerta l’opportunità di porre fine a questa censura, dimostrare in modo verificabile che Peng è libera e in grado di parlare senza interferenze o intimidazioni e indagare sull’accusa di violenza sessuale in modo completo, equo e trasparente. Sfortunatamente, le autorità in Cina non hanno affrontato questa questione molto seria in modo credibile. Anche se ora sappiamo dove si trova Peng, ho seri dubbi che sia libera, al sicuro e non soggetta a censura, coercizione e intimidazione. La WTA è stata chiara su ciò che è necessario e ribadiamo la nostra richiesta di un’indagine completa e trasparente – senza censura – sull’accusa di violenza sessuale di Peng Shuai.

Niente di tutto questo è accettabile né può diventare accettabile. Se le persone potenti possono sopprimere le voci delle donne e nascondere le accuse di aggressione sessuale, allora la base su cui è stata fondata la WTA – l’uguaglianza per le donne – andrebbe incontro a un’immensa regressione. Non voglio e non posso permettere che ciò accada alla WTA e alle sue giocatrici.

Di conseguenza, e con il pieno supporto del Consiglio di amministrazione della WTA, annuncio l’immediata sospensione di tutti i tornei WTA in Cina, compreso Hong Kong. In buona coscienza, non vedo come posso chiedere ai nostri atleti di gareggiare lì quando Peng Shuai non è autorizzato a comunicare liberamente ed è stata apparentemente pressata a contraddire la sua accusa di violenza sessuale. Dato lo stato attuale delle cose, sono anche molto preoccupato per i rischi che tutti i nostri giocatori e il nostro staff potrebbero affrontare se dovessimo organizzare eventi in Cina nel 2022.

Sono grato dall’enorme quantità di sostegno internazionale che la WTA ha ricevuto per la sua posizione su questo argomento. Per proteggere ulteriormente Peng e molte altre donne in tutto il mondo, è più urgente che mai che le persone parlino apertamente. La WTA farà tutto il possibile per proteggere le sue giocatrici. Mentre lo facciamo, spero che i leader di tutto il mondo continueranno a parlare in modo che si possa fare giustizia per Peng e per tutte le donne, indipendentemente dalle ramificazioni finanziarie. Mi dispiace molto che sia arrivato a questo punto. Le comunità del tennis in Cina e Hong Kong sono piene di persone fantastiche con cui abbiamo lavorato per molti anni. Dovrebbero essere orgogliosi dei loro successi, ospitalità e successo. Tuttavia, a meno che la Cina non adotti le misure richieste, non possiamo mettere a rischio le nostre giocatrici e il nostro staff organizzando eventi in Cina. I leader cinesi hanno lasciato la WTA senza scelta. Continuo a sperare che le nostre richieste saranno ascoltate e che le autorità cinesi adotteranno misure per affrontare legittimamente questo problema”.

ENRICO RUGGERI

Seguici su Metropolitan Sport

Adv
Adv
Adv
Back to top button