CalcioSport

Catania – Sicula Leonzio 1-0: Curiale-gol, rossoazzurri agli ottavi

Catania agli ottavi di finale in Coppa Italia di Serie C, grazie al gol di Curiale nel primo tempo, che stende la Sicula Leonzio.

Il Catania conquista l’accesso agli ottavi di finale della Coppa Italia di Serie C, battendo la Sicula Leonzio con un gol di Curiale.

Catania in vantaggio con una perla di Curiale

L’avvio di gara non è particolarmente frizzante, ma i padroni di casa si mettono nella condizione di condurre il gioco, mentre gli ospiti puntano a mettere in difficoltà il Catania con ripartenze.

I primi due squilli che la formazione di Lucarelli piazza dalle parti di Nordi, sono di Curiale e Dell’Oglio, ma entrambe i calciatori si fanno pizzicare in posizione di fuorigioco. Al 15′ è la volta di Lodi, ma Lodi risponde bene alla conclusione dell’avversario.

Al 21′ Megelaitis rischia l’autogol, mentre 60 secondi più tardi, Di Molfetta ci prova di destro da posizione defilata, ma la porta della Sicula Leonzio viene nuovamente blindata da Nordi, con una respinta a terra.

Gli sforzi del Catania, sono ripagati al 30′, minuto nel quale Curiale si inventa letteralmente un gol da vedere e rivedere, frutto di una rovesciata da copertina. Peccato che proprio in questa occasione, gli spalti del “Massimino” fossero praticamente deserti…

La Sicula Leonzio si fa molto pericolosa al 38′ con un colpo di testa da distanza ravvicinata di Terranova, che soltanto i super riflessi di Martinez (oggi all’esordio), riesco a neutralizzare in calcio d’angolo.

Prima della fine del primo tempo, entrano nei taccuini dei cronisti anche i tentativi di Scardina da una parte e di Di Molfetta dall’altro, ma in entrambe i casi, la sfera non centra lo specchio della porta.

Catania
Il deludente colpo d’occhio del “Massimino” (Photo credit: Eleven Sports)

Tante emozioni ma nessun gol

In avvio di ripresa Bucaro inserisce nella mischia Bariti ed Esposito, alla ricerca di un cambio significativo nell’inerzia della gara, ma al 48′ è Lodi ad impensierire Nordi, con un calcio da fermo dalla media distanza.

I padroni di casa rischiano invece tantissimo al 56′, quando Esposito impegna severamente Martinez, che riesce ad evitare il gol del pareggio, soltanto grazie alla complicità della traversa.

Un altro brivido sulla schiena di Nordi, arriva dopo una conclusione a pochi passi dalla porta operata dal neo entrato Di Piazza, ma il portiere ospite risponde al meglio.

La serata poco fortunata della Sicula Leonzio, viene confermata anche dalla seconda traversa (con Martinez battuto), colpita all’84’ da maimone, poi subito sostituito con Ripa.

Uno degli ultimi sussulti della gara è procurato da un colpo di testa di Di Piazza, che Nordi trova comunque il modo di neutralizzare deviando in angolo il pallone.

La Sicula Leonzio lascia il “Massimino” con il giusto onore delle armi, ma al turno successivo va il Catania, che il 27 novembre, in trasferta, se la vedrà con il Potenza.

Il Tabellino

Catania – Sicula Leonzio 1-0

Marcatori: 30′ Curiale (C)

Catania (4-3-3): Martinez; Esposito, Noce, Silvestri, Marchese, ; Lodi, Bucolo, Dall’Oglio; Catania (66′ Di Piazza), Di Molfetta, Curiale (61′ Biondi). A disp.: Furlan, Pino, Biagianti, Llama, Fornito, Rizzo, Mazzarani, Barisic, Distefano, Rossetti. All.: C. Lucarelli

LEONZIO (4-3-3): Nordi; De Rossi, Tafa, Petta, Parisi; Cozza (46′ Esposito), Maimone (85′ Ripa), Megelaitis; Terranova (46′ Bariti), Vitale, Scardina. A disp.: Governali, Bertolo, Sosa, Bonaccorso, Sicurella, Sidibe, Manfrè, Lescano, Bollino, Ripa, Manfré. All.: G. Bucaro.

Arbitro: Francesco Cosso (sez. Reggio Calabria) Assistenti: R. Terenzio – G. Massara

Note – Spettatori: 957 Ammoniti: Maimone (SL), Scardina (SL) Espulsi:

(Photo credit in evidenza: catania.liveuniversity.it)

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Lega Pro

Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?

Related Articles

Back to top button