Gossip e Tv

Chi sono i figli di Anne Heche

Anne Heche è stata coinvolta in un terribile incidente in cui la sua auto in corsa è andata a sbattere contro una casa a Los Angeles il 5 agosto. La dichiarazione aggiungeva anche: “Vogliamo ringraziare tutti per i loro gentili auguri e preghiere per la guarigione di Anne e ringraziare il personale dedicato e le meravigliose infermiere che si sono prese cura di Anne al Grossman Burn Center presso l’ospedale di West Hills”. Anne Heche ha due figli, di nome — Omero e Atlante

Chi sono i figli di Anne Heche?

Heche ha due figli, di nome — Omero e Atlante. L’attrice primogenita di “Donnie Brasco” è Homer, che condivide con il cameraman Coleman Laffoon. È stato detto che Heche e Laffoon sono diventati marito e moglie nel 2001, ma la relazione non è durata a lungo poiché nel 2007 si sono separati.

Tuttavia, il matrimonio di breve durata ha visto la nascita di Homer, che l’ex coppia ha accolto nel 2002. Secondo quanto riferito, anche il dramma del divorzio di Heche e Laffoon li ha visti combattere per il figlio. Alla fine, un giudice ha annunciato che l’attrice 53enne ha dovuto pagare “$ 275.000 al suo ex marito, insieme a pagamenti mensili di mantenimento dei figli di $ 3.700 per la cura di Homer”, ha riferito Hollywood Life. Tuttavia, il rapporto che cita i documenti del tribunale rilevava che l’ex coppia aveva deciso “di dividere il costo di qualsiasi ‘attività extrascolastica concordata’ per il figlio”.

Dopo Laffoon, Heche ha iniziato una relazione con l’attore James Tupper e nel 2009 ha accolto suo figlio, Atlas. Ma nel 2018 si sono anche lasciati. Nel marzo 2022, Atlas ha compiuto 13 anni e la sua orgogliosa madre è andata su Instagram per festeggiarlo. Condividendo una bella foto di se stessa con il secondogenito, ha scritto: “Atlas is a TEEN-AGER? Con i bambini separati dai loro genitori nell’assurdità dell’odio e della guerra, piango, ho condiviso le mie lacrime la scorsa notte. Oggi festeggio entrambi i miei figli per ciascuno dei loro compleanni monumentali. #13 #20 #loveourchildren #endthewar.”

Nel 2013, Heche aveva parlato di essere una madre single di due figli. Ha detto a breezymama.com: “È esattamente come si dice: alle ragazze piace sedersi e colorare e sono dolci e ti lasciano pettinare i capelli. Ragazzi… i miei ragazzi e tutti gli altri ragazzi che conosco sono attivi, attivi, attivi. Gioco sempre con loro. Gioco a calcio, baseball… Gioco a tutte queste cose che non avrei mai pensato di giocare. Qualsiasi cosa con una palla che amano. I ragazzi sono coccoloni e amanti però. Quando li stanchi, adorano sedersi e coccolare la loro mamma. Questa è la benedizione dei ragazzi”.

Sfortunatamente per Anne Heche, crescere i suoi figli non è sempre stato facile. Al contrario, ha combattuto due intense battaglie per la custodia nel corso degli anni.

Poco dopo la sua rottura con Ellen DeGeneres, Heche sposò Coley Laffoon e insieme accolsero il loro figlio, Homer Laffoon. Per People, un mese dopo l’annuncio di Heche che si erano separati, Coley ha chiesto il divorzio. Da lì, ne seguì una lunga battaglia per la custodia. Secondo TMZ, Coley ha accusato la sua ex moglie di “scarse capacità genitoriali” e di “comportamento bizzarro e delirante”. Due anni dopo, Heche ha sbattuto il suo ex marito come un “pigro” in “Late Show with David Letterman” (tramite TMZ). Alla fine, secondo TMZ, l’ex coppia ha ottenuto l’affidamento condiviso, fintanto che Homer è rimasto a Los Angeles.

Al momento di quella battaglia per la custodia, Heche aveva il pieno sostegno del suo allora fidanzato, James Tupper. Secondo Irish Examiner, è sgorgato dalla sua dedizione “a tutte le cose buone”. Lui e Heche hanno avuto un figlio, Atlas Tupper. Tuttavia, quando Heche e James hanno deciso di smettere dopo 10 anni insieme, anche loro hanno affrontato una dura lotta per la custodia. Secondo i documenti del tribunale pubblicati dal Daily Mail, Heche ha accusato James di aver rinchiuso lei e Atlas fuori dalla loro casa. James ha negato le affermazioni e, in un’e-mail ottenuta da Radar, ha lasciato intendere che il suggerimento potrebbe essere stato “collegato all’uso prolungato di droghe”.

Back to top button