14.2 C
Roma
Maggio 13, 2021, giovedì

Come scegliere l’estrattore di succo più adatto alle proprie esigenze

- Advertisement -

In commercio sono disponibili vari modelli di estrattore di succo, si va da modelli che hanno un costo contenuto, inferiore ai 100 euro, per arrivare a veri e propri elettrodomestici professionali, dal costo che supera tranquillamente i 300 euro. Per scegliere l’estrattore migliore possibile, o meglio quello che si addice alle esigenze del singolo utilizzatore, è consigliabile imparare a conoscere questa apparecchiatura per analizzare le caratteristiche essenziali. Così da valutare i migliori estrattori di succo in vendita su Amazon, o presso altri e-commerce, ed individuare quello che fa al caso nostro.

Come funziona un estrattore
Per capire quale sia il migliore estrattore di succo disponibile in commercio è importante capire come funziona questo elettrodomestico. Il funzionamento è per certi versi simile a quello di una centrifuga, che è però un’apparecchiatura meno costosa rispetto ad un estrattore di succo. Questo perché gli estrattori sono più rispettosi delle caratteristiche organolettiche degli alimenti. Hanno un motore che fa ruotare una coclea, che a sua volta spappola i vegetali e li spinge verso un finissimo setaccio, o una serie di setacci. Più lentamente gira la coclea e migliori sono le qualità dell’estratto ottenuto. Questo perché con molti giri veloci e vorticosi si scalda l’alimento e si incorpora ossigeno: entrambe attività che causano l’ossidazione delle vitamine e la degradazione dei principi nutritivi.

Altri elementi per scegliere al meglio
In linea generale un buon estrattore di succo ha una velocità inferiore ai 60 giri al minuto; oggi in commercio troviamo anche estrattori con una velocità inferiore ai 40 giri al minuto, che permette di estrarre il massimo del succo disponibile in un alimento, ma anche di preservarlo al meglio. Chiaramente le differenze di prezzo si annidano proprio lì: un estrattore che funziona a circa 80 giri al minuto può costare anche meno di un quarto di un modello che funziona a 40 giri al minuto. Altre caratteristiche fondamentali sono il numero di filtri, la praticità di utilizzo e di lavaggio, la possibilità di utilizzare l’estrattore sia per la frutta che per la verdura, o anche per preparare zuppe e altri alimenti. La questione dei setacci è essenziale, solitamente i modelli più interessanti ne hanno 3, di diversa grandezza. Utilizzando i 3 filtri si ottiene un succo perfettamente limpido e liscio; modificando l’utilizzo dei filtri si può ottenere una sorta di succo corposo, o addirittura degli omogeneizzati di frutta e di verdura crude.

Il prezzo
Ovviamente chi deve acquistare un nuovo elettrodomestico per la casa fa una valutazione anche dal punto di vista economico. Si ragiona su due fronti: da un lato è consigliabile valutare il budget che si ha a disposizione; dall’altro lato è bene anche ragionare su quanto si utilizzerà l’estrattore di succo. In genere il modo migliore per trovare l’estrattore perfetto consiste nel valutare solo i modelli che presentano tutte le caratteristiche che si stanno ricercando. In seguito si potrà ragionare sul prezzo dei diversi modelli ottenuti scremando l’offerta disponibile in commercio. Ma quando usare l’estrattore? Solitamente chi acquista un estrattore tende poi ad utilizzarlo molto più di quanto avesse pensato inizialmente. Sono numerosi, infatti, gli utilizzi che si possono effettuare con questo elettrodomestico, da una semplice centrifuga di frutta e verdura a numerose preparazioni culinarie differenti. Conviene quindi valutare sempre il modello più completo possibile, in modo poi da non trovarsi a volerlo sostituire successivamente con un modello più versatile o più completo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Alessia Spensieratohttps://metropolitanmagazine.it
Alessia Spensierato, Editore (Owner & Founder) della testata giornalistica di Metropolitan Magazine. La scrittura è la sua più grande passione, ha scritto il suo primo libro"Il silenzio in un caffè" pubblicato nel 2013 tra i top ten e-book dei più venduti nello stesso anno. Nel 2014 si cimenta nella scrittura del suo secondo "One Way", ex speaker radiofonica. Il mondo del Web l'ha sempre affascinata e oggi ha cercato di unire le sue più grandi passioni creando Metropolitan Magazine. Metropolitan Magazine oggi è una testata nota sia a Roma che in Italia. Non utilizza nessun aggettivo per definirsi, per lei esistono solo parole "nuove" che nessuno sa. "Il mondo è di chi lo disegna ogni giorno in modo diverso, a volte anche senza matite."
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -