Coprifuoco in Italia: ecco cosa si potrà fare e cosa non sarà permesso

Foto dal web

Quasi tutte le regioni d’Italia stanno adottando la misura del coprifuoco a causa della salita della curva dei contagi. Ma allo scoccare dell’ora X, cosa sarà permesso fare e cosa invece sarà vietato?

Coprifuoco in Italia

Lombardia, Lazio, Campania e Piemonte hanno già ordinato la chiusura notturna. A breve arriverà il Dpcm che fisserà un orario per la serrata valido per tutto il Paese. Si potrà uscire dalla propria abitazione per motivi validi, ossia lavoro, salute e urgenza. Possibile dunque recarsi da un parente o comunque da una persona in difficoltà. Permesso anche recarsi in un luogo di proprietà per un’emergenza.

  1. Indispensabile l’autocertificazione per chi uscirà dopo l’orario stabilito. Il modulo compilato dovrà essere consegnato alle forze dell’ordine in caso di controlli. Nel caso la persona si stesse recando sul luogo di lavoro o stesse tornando alla propria abitazione, dovrà indicare il posto di lavoro specificando l’indirizzo. In caso di emergenza familiare, bisognerà indicare il grado di parentela della persona senza però inserire l’identità.
  2. Possibile sforare l’orario per raggiungere o tornare dalla stazione o dall’aeroporto. Occorrerà specificare nel modulo l’itinerario. Obbligatorio avere con sé il biglietto.
  3. I locali pubblici dovranno chiudere nell’orario stabilito. In Campania i dipendenti avranno mezz’ora in più per raggiungere la propria abitazione. La regola non vale per i clienti che dovranno rientrare a casa entro l’orario stabilito.
  4. Non è possibile svolgere jogging o altre attività sportive oltre l’orario consentito.
  5. Non è permesso portare il cane a spasso oltre l’orario consentito, a meno che non ci siano particolari condizioni di emergenza.

Restate aggiornati su Metropolitan Magazine Attualità

© RIPRODUZIONE RISERVATA