AttualitàEsteri

Coronavirus, Donald Trump lascia l’ospedale ma non è fuori pericolo

Nonostante non sia fuori pericolo, Donald Trump è stato dimesso dall’ospedale, e suggerisce alle persone di non lasciarsi intimorire dal virus. Intanto la Casa Bianca si sta trasformando in un vero e proprio focolaio.

PhotoCredit: dal web

“Mi sento bene!”

Alle 18.30 di ieri pomeriggio – 00.30 in Italia -, Trump è uscito dall’ospedale militare in cui era stato ricoverato giorni fa, dopo essere risultato positivo al Covid. È stato proprio lui ad annunciarlo attraverso un tweet: “Lascerò il grande Walter Reed Medical Center alle 6.30 p.m.”. Il presidente americano, nel tentativo di diffondere ottimismo, ha inoltre aggiunto: “Mi sento molto bene! Non abbiate paura del Covid. Non lasciate che domini le vostre vite. Abbiamo sviluppato sotto l’amministrazione Trump alcuni ottimi farmaci ed ottime competenze. Mi sento meglio di 20 anni fa!”.

Trump non è fuori pericolo

Il medico del presidente degli Stati Uniti d’America, Sean Conley, ha confermato quanto detto da Trump, affermando che le condizioni di salute di quest’ultimo gli permettono di lasciare l’ospedale in tutta sicurezza. In primis, ha dichiarato il dottore, il presidente non presenta problemi respiratori. Tuttavia, l’équipe sanitaria sostiene che – anche se non ha la febbre da 72 ore e i suoi valori sono stabili – Trump non può ancora dirsi fuori pericolo, pertanto verrà seguiro 24 ore su 24.

La Casa Bianca è un focolaio

Nonostante il buon umore di Trump – il quale è tra l’altro impegnato nella campagna elettorale, determinato a ricoprire il ruolo di presidente per altri quattro anni -, la Casa Bianca si sta progressivamente trasformando in un vero e proprio focolaio. Soltanto ieri è risultata positiva Kayleigh McEnany, la portavoce del presidente; oggi, invece, è stato reso noto che due membri dello staff che si occupa delle pulizie hanno contratto il virus. Ad ora, qui, in tutto sono già più di quindici le persone infettate, compresi Donald e Melania Trump.

Resta aggiornato su tutta l’Attualità di Metropolitan Magazine, e segui la pagina Facebook.

Back to top button