Calcio

Coronavirus, le precauzioni prese dall’Inter dopo il contagio di Rugani

La minaccia del Coronavirus approda anche nel calcio professionistico italiano. Dopo la positività di Timo Hubers, calciatore dell’Hannover, anche la Serie A ha conosciuto il nome ed il cognome del primo contagiato: si tratta di Daniele Rugani, difensore italiano in forza alla Juventus. L’esito del tampone del Covid-19 ha allertato tutto il movimento calcistico italiano. Soprattutto l’Inter, l’ultima avversaria degli attuali campioni d’Italia. La società di Suning, dopo il comunicato dei bianconeri, si è attrezzata prendendo precauzioni speciali per evitare la diffusione del virus arrivato dalla Cina.

Inter in quarantena per il Coronavirus

L’Inter in quarantena. La società nerazzurra è stata l’ultima avversaria della Juventus del contagiato Rugani nella gara che ha sancito il recupero della sfida scudetto in Serie A. La partita, vinta 2-0 dai bianconeri, potrebbe esser stata il veicolo per nuovi contagi del Coronavirus: Juventus ed Inter sono in isolamento. La notizia, ovviamente, mette a serio rischio la continuazione della stagione sportiva interrotta, pochi giorni fa, dal decreto emanato da Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio. Ecco il comunicato della società meneghina in merito all’accaduto:

“FC Internazionale Milano rende noto che, a seguito del comunicato di Juventus FC riguardo alla positività del calciatore Daniele Rugani al COVID-19, viene sospesa ogni attività agonistica sino a nuova comunicazione. Il club si sta attivando per predisporre tutte le procedure necessarie”.

La compagine nerazzurra, al momento, risulta in quarantena: dopo lo stop della Serie A, la UEFA ha rinviato anche la gara Inter-Getafe, gara valevole per l’andata degli ottavi di finale dell’Europa League.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button