Coronavirus Lazio, a Fiumicino il rischio di un nuovo focolaio

Lazio8 tamponi positivi su 400 effettuati: questa la situazione al drive in di Casal Bernocchi. Con questi i casi salgono a 9 e nel Lazio si palesa il rischio di un nuovo focolaio nel comune di Fiumicino. 

Lazio: nuovi tamponi positivi nelle vicinanze di Fiumicino. Due i ristoranti chiusi, disposte nuove misure di sicurezza. Serve ancora cautela.

Già il 26 giugno, con il contagio del dipendente di un ristorante della stessa zona, si erano attivate delle nuove misure di sicurezza. Il locale, Indispensa Bistrot, è stato chiuso “e lo rimarrà fino a nuove disposizioni della Asl”. Queste le parole del sindaco Esterino Montino, che ha anche disposto l’isolamento domiciliare fiduciario per tutti coloro che abbiano frequentato il locale dal 21 giugno.

I test effettuati nella prima giornata di test hanno rivelato 8 risultati positivi. Si tratta di 2 titolari di un locale, 2 dipendenti e 4 conviventi del paziente del Bangladesh ricoverato ieri allo Spallanzani (da RomaToday).

La Asl Roma 3 ha quindi chiuso un secondo ristorante -appartenente agli stessi proprietari dell’Indispensa Bistrot- il cui nome, però, non è ancora stato reso noto.

L’Unità di Crisi della regione Lazio avverte: “Si raccomanda a tutti i titolari di ristoranti di conservare i contatti degli avventori per facilitare le operazioni di contact tracing qualora si rendessero necessarie ed evitare pesanti sanzioni”.

Al momento l’indice di contagio della regione Lazio, in riferimento ai dati della scorsa settimana, segna 1,24. Fortunatamente, l’assessore regionale della sanità Alessio D’Amato ha dichiarato che la situazione non è grave. “Nella valutazione settimanale del Ministero della Salute il valore RT rimane sopra l’1, era inevitabile poiché occorrono due settimane per vedere gli effetti del contenimento dei focolai”.

Tuttavia, bisogna sempre tenere presente che l’epidemia non è conclusa e la situazione epidemiologica potrebbe variare con molta facilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA