Cronaca

Coronavirus: la Spagna chiude le discoteche e vieta il fumo per strada

Il numero di casi di Coronavirus in Spagna è in aumento: il governo decide di chiudere le discoteche e attuare ulteriori misure di prevenzione, ancora più dure di quelle adottate in precedenza.

Niente discoteche né fumo in strada

Il governo spagnolo sta affrontando una nuova sfida: in sole 24 ore sono stati registrati 3.000 nuovi casi. La situazione, sempre più critica, ha portato all’introduzione di misure di prevenzione ancora più rigide delle precedenti. Questa volta non solo tutte le discoteche in Spagna resteranno chiuse, ma sarà anche vietato fumare in strada qualora non sia possibile rispettare il distanziamento di due metri. Nemmeno i bar sono stati risparmiati: è stata imposta la chiusura obbligatoria a mezzanotte.

Fonte: pixnio.com

L’annuncio di Illa

Ad annunciare le nuove direttive del governo è stato Salvador Illa, ministro della sanità; oltre alle tre sopra esposte, Illa ha annunciato altre 8 misure di prevenzione, tra cui controlli più rigorosi sull’utilizzo delle bottiglie nei locali. Tali provvedimenti erano già stati introdotti nelle Baleari e in Galizia, ma ora sono stati estesi a tutto il Paese. Vi sono poi alcune raccomandazioni da osservare, come effettuare test frequentemente in centri sociali e sanitari, e non superare un massimo di dieci persone per gruppo.

Non perderti le news del momento! Resta sempre aggiornato con Metropolitan Magazine.

Back to top button