Attualità

Coronavirus, finti vocali girano su WhatsApp: è psicosi su smartphone

Il Coronavirus ha generato una psicosi colossale in tutto il mondo. Italia compresa. La pandemia nata in Cina è arrivata a contagiare anche diversi Paesi europei: nel territorio nostrano sono decedute sei persone e gli infettati sono saliti a 229. Almeno per il momento. Il Governo italiano ha adoperato diverse soluzioni per prevenire il contagio ma, al momento, il virus sembra continuare la sua marcia (quasi) incontrastata generando paura e sgomento. Psicosi alimentata, purtroppo, da messaggio vocali fake che stanno girando su WhatsApp, l’applicazione messaggistica più utilizzata per smartphone.

Coronavirus su WhatsApp: i vocali fake alimentano la psicosi

È una notizia molto importante ma che vogliono tenere nascosta. Fate girare!” Questa è una delle frasi utilizzate nei vocali fake che stanno girando su WhatsApp. Messaggi che contribuiscono, ovviamente, ad alimentare il clima di tensione e paura che stanno vivendo gli italiani in questo momento. I finti audio rimbalzano freneticamente e si diffondono, peggio del Coronavirus, sugli smartphone di tantissime persone generando allarmismi immotivati. Perché, appunto, le notizie proferite sono false. I vocali incriminati sarebbero tre e hanno creato il panico a Roma ed a Peschiera del Garda annunciando la presenza certa di persone contagiate dal virus. Nella Capitale è stato preso di mira il Policlinico di Tor Vergata.

I messaggi incriminati su WhatsApp

Nel primo vocale parla un uomo che riporta presunte fonti ospedaliere: “Lavoro lì e l’ho visto con i miei occhi che c’è stato un caso confermato di Coronavirus anche da noi e uno confermato anche a Frascati“.

Nel secondo la voce è femminile ma il risultato è il medesimo: la donna annuncia casi di Coronavirus al Policlinico di Tor Vergata. Una situazione simile anche nel veronese: annunciati due casi accertati al Pederzoli. Tutti falsi. La psicosi da Coronavirus viaggia prepotente anche su WhatsApp

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter autore

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Back to top button