16.5 C
Roma
Aprile 17, 2021, sabato

Dal 1 marzo: Sardegna passa in zona bianca, Basilicata e Molise in zona rossa

- Advertisement -

Da domani 1 marzo, Molise e Basilicata in zona rossa; Lombardia, Marche e Piemonte in arancione. Sardegna prima regione in fascia bianca. In arrivo il nuovo Dpcm, restrizioni fino al 6 aprile. Complice il bel tempo folla nelle strade delle città. A Milano discoteca improvvisata alla Darsena con decine di persone anche senza mascherina. Da domani chiusi tutti gli istituti in Abruzzo, Basilicata e Campania. Il Cts raccomanda la DAD per tutte le zone rosse. Governo pronto a chiusure selettive. Intanto per il terzo giorno di fila crescono i ricoveri in terapia intensiva. Il tasso di positività si attesta al 5,8%.

Sono 18.916 i test positivi al coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i positivi erano stati 20.499. Il sabato precedente erano stati 14.931. Le vittime sono invece 280, in aumento rispetto alle 253 di ieri. Sono in crescita, sui contagi, anche le medie mobili a 7 giorni: segno che siamo in una fase espansiva dell’epidemia.

Tra le regioni, la Lombardia registra 4.191 contagi, l’Emilia Romagna 2.542, Campania 2.215, Lazio 1.347. Rispetto alla popolazione invece l’elenco è: provincia autonoma di Bolzano, provincia autonoma di Trento, Emilia Romagna, Marche.

Dopo il monitoraggio dell’Iss e del ministero della Salute sulla situazione coronavirus in Italia, cambiano i colori delle regioni italiane. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato le ordinanze sule nuove fasce di rischio, in vigore da lunedì 1 marzo. Ecco cosa si può fare e cosa no nei diversi territori, in attesa del nuovo Dpcm che entrerà in vigore il 6 marzo

Dal 1 marzo: Sardegna passa in zona bianca, Basilicata e Molise in zona rossa

SARDEGNA: diventa la prima zona bianca d’Italia. In zona bianca rimangono gli obblighi del distanziamento e delle mascherine, ma non si applicano più le restrizioni previste per le altre zone di rischio. Possono riaprire i luoghi della cultura, i centri sportivi al chiuso e non c’è il coprifuoco dalle 22 alle 5. Inoltre ristoranti e bar possono riaprire senza limiti di orario, ma sempre rispettando i protocolli di sicurezza

ABRUZZO: resta in zona arancione ma alcune aree nelle province di Pescara e Chieti sono rosse. In arancio spostamenti consentiti solo all’interno del proprio comune, vietati quelli notturni dalle 22 alle 5. La consumazione in bar e ristoranti è vietata all’interno e nelle vicinanze dei locali. Dalle 5 alle 18 consentito l’asporto. Consegna a domicilio senza limiti di orario. Negozi al dettaglio aperti, centri commerciali chiusi nei weekend, festivi e prefestivi. Scuole chiuse in tutta la regione per ordinanza del governatore.

BASILICATA: passa in zona rossa. Ci si può muovere dalle 5 alle 22, con autocertificazione, solo per “comprovate esigenze”. Rimangono limitazioni dalle 22 alle 5. Si può andare a casa di altri, nel comune, in due persone (esclusi under14 e disabili). Chiusi negozi, tranne alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole, parrucchieri, lavanderie, ferramenta, ottici, fiorai, librerie, cartolerie, informatica, abbigliamento per bambini, giocattoli, profumerie, pompe funebri. Bar e ristoranti chiusi: consentito asporto (18 bar, 22 ristoranti) e consegne

CALABRIA: resta in zona gialla. Ci si può muovere liberamente, nella regione, dalle 5 alle 22. Consentito spostarsi verso una casa privata abitata una volta al giorno, per un massimo di due persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi (esclusi under14 o disabili). Dopo le 22 si può circolare solo per “comprovate esigenze”. Aperti fino alle 18 bar, pasticcerie, ristoranti: poi asporto fino alle 22 per chi ha la cucina e consegna sempre. Negozi aperti, centri commerciali chiusi sabato, domenica e festivi. Aperti musei in settimana. Palestre, piscine chiuse

LAZIO: resta in zona gialla. Ci si può muovere liberamente, nella regione, dalle 5 alle 22. Consentito spostarsi verso una casa privata abitata una volta al giorno, per un massimo di due persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi (esclusi under14 o disabili). Dopo le 22 si può circolare solo per “comprovate esigenze”. Aperti fino alle 18 bar, pasticcerie, ristoranti: poi asporto fino alle 22 per chi ha la cucina e consegna sempre. Negozi aperti, centri commerciali chiusi sabato, domenica e festivi. Aperti musei in settimana. Palestre, piscine chiuse

LOMBARDIA: passa in zona arancione. In questa fascia spostamenti consentiti solo all’interno del comune, vietati quelli notturni dalle 22 alle 5. La consumazione in bar e ristoranti è vietata all’interno e nelle vicinanze dei locali. Dalle 5 alle 18 consentito l’asporto, mentre dalle 18 alle 22 è consentito solo ai locali con cucina. Consegna a domicilio senza limiti di orario. Negozi al dettaglio aperti, centri commerciali chiusi nei weekend, festivi e prefestivi. Chiusi musei, cinema, teatri, palestre e piscine. Sì attività sportiva nel comune e all’aperto

MOLISE: passa in zona rossa. Ci si può muovere dalle 5 alle 22, con autocertificazione, solo per “comprovate esigenze”. Rimangono limitazioni dalle 22 alle 5. Si può andare a casa di altri, nel comune, in due persone (esclusi under14 e disabili). Chiusi negozi, tranne alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole, parrucchieri, lavanderie, ferramenta, ottici, fiorai, librerie, cartolerie, informatica, abbigliamento per bambini, giocattoli, profumerie, pompe funebri. Bar e ristoranti chiusi: consentito asporto (18 bar, 22 ristoranti) e consegne

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Alessia Spensieratohttps://metropolitanmagazine.it
Alessia Spensierato, Editore (Owner & Founder) della testata giornalistica di Metropolitan Magazine. La scrittura è la sua più grande passione, ha scritto il suo primo libro"Il silenzio in un caffè" pubblicato nel 2013 tra i top ten e-book dei più venduti nello stesso anno. Nel 2014 si cimenta nella scrittura del suo secondo "One Way", ex speaker radiofonica. Il mondo del Web l'ha sempre affascinata e oggi ha cercato di unire le sue più grandi passioni creando Metropolitan Magazine. Metropolitan Magazine oggi è una testata nota sia a Roma che in Italia. Non utilizza nessun aggettivo per definirsi, per lei esistono solo parole "nuove" che nessuno sa. "Il mondo è di chi lo disegna ogni giorno in modo diverso, a volte anche senza matite."
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -