Cronaca

Dal 5 al 15 ottobre al Teatro L’Aura: Il Sogno di Clio

Parte con Il sogno di Clio la stagione del Teatro L’aura di Roma. Dal 5 al 15 ottobre è in scena il testo di Gennaro Francione diretto da Igor Maltagliati. Sul palco Carmen Morello nel ruolo di Clio, Mario Misuraca nel ruolo di Carlo, Rosa Didonna nel ruolo di Maria, Cristiano D’alterio nel ruolo di Francesco.

Un paradosso giudiziario degli anni ’20 in cui un marito carnefice viene assolto e l’amante condannato. Storia di un bisogno di trovare la strada per la redenzione e l’Arte, con la sua musa Clio, è la via dell’espiazione, il bello artistico in un’epoca in cui la guerra divideva le famiglie, intrecciando una storia di passione con una storia di differenze sociali e culturali, una storia di amicizia e di colleghi con una storia di gelosia, una storia di un processo storico in cui i colpevoli sono solo gli adulteri e non il carnefice. Ma l’assoluzione di un giudice non è l’assoluzione della coscienza. Ed ecco Clio, la musa delle arti, che fa iniziare al ciabattino rude ed artista al tempo stesso, un percorso di purificazione dell’animo attraverso le arti: la danza, le acrobazie aeree, la musica, il canto. Come nella vita reale le arti scandiscono le fasi, anche nella scena uniscono e dividono i vari momenti. Le arti rappresentano anche il ponte tra l’epoca di ambientazione della storia ed i tempi moderni ed attuali. In particolar modo nella sfera musicale vi saranno dei brani estremamente attuali (anche rap e contaminazioni rock) con danzatori hip hop. Questo per far intendere che, nonostante il passare dei decenni, la sostanza dell’accaduto non è cambiata.

dal 5 al 15 ottobre 2017 TEATRO L’AURA – ROMA vicolo di Pietra Papa 64

Con Carmen Morello nel ruolo di Clio, Mario Misuraca nel ruolo di Carlo, Rosa Didonna nel ruolo di Maria, Cristiano D’alterio nel ruolo di Francesco

Regia di Igor Maltagliati

Testo di Gennaro Francione

Adv

Alessia Spensierato

Alessia Spensierato, Editore (Owner & Founder) della testata giornalistica di Metropolitan Magazine. La scrittura è la sua più grande passione, ha scritto il suo primo libro"Il silenzio in un caffè" pubblicato nel 2013 tra i top ten e-book dei più venduti nello stesso anno. Nel 2014 si cimenta nella scrittura del suo secondo "One Way", ex speaker radiofonica. Il mondo del Web l'ha sempre affascinata e oggi ha cercato di unire le sue più grandi passioni creando Metropolitan Magazine. Metropolitan Magazine oggi è una testata nota sia a Roma che in Italia. Non utilizza nessun aggettivo per definirsi, per lei esistono solo parole "nuove" che nessuno sa. "Il mondo è di chi lo disegna ogni giorno in modo diverso, a volte anche senza matite."

Related Articles

Back to top button