Attualità

Disastro ambientale in Thailandia: barriera corallina a rischio

Oltre 50mila litri di petrolio dispersi nelle acque che danno sulle spiagge turistiche della provincia di Rayong, in Thailandia. Il disastro ambientale è stato provocato dalla perdita di un oleodotto di proprietà della società Star Petroleum Refining, che era iniziato martedì 25 gennaio. L’area è stata transennata il giorno successivo, quando circa 150 lavoratori della società autrice del disastro e 200 membri della Marina Thailandese hanno unito le forze per ripulire l’area.

Disastro ambientale, iestimabili i danni sulla barriera corallina

La barriera corallina interessata nel disastro ambientale, aveva già subito dei danni a causa della pesca con la dinamite oltre che per l’incremento troppo rapido del turismo. E poi il dramma: il riversamento di litri di petrolio desta molta preoccupazione tra gli ambientalisti. Negli ultimi anni è emerso spesso il problema dello sversamento incontrollato di idrocarburi nelle acque aperte, e pulirli è un’impresa spesso impossibile. Sembra che gli ecosistemi siano sempre più compromessi da questo inquinamento dilagante, che risulta ancor più disastroso quando è determinato – nel caso degli oceani – non da piccole perdite di idrocarburi durante la navigazione, ma da guasti che portano alla dispersione di una quantità elevata di agenti inquinanti.

Michela Foglia

Seguici su Facebook

Back to top button